Tombaroli a Capo Colonna, Filly Pollinzi (Possibile): “Siano tutti parte civile”

All’indomani dell’operazione dei Carabinieri che ha portato all’arresto di 12 persone accusate di far parte di una organizzaizone criminale dedita al traffico di reperti archeologici di Capo Colonna, Filly Pollinzi del Comitato di garanzia Possibile interviene sulla vicenda chiedendo che “il Comune di Crotone, la Regione Calabria, Il Ministero dei Beni Culturali e ogni singolo cittadino si costituiscano parte civile“. Ieri anche il leader di Possibile, Pippo Civati, è intervenuto con un tweet sulla questione Capo Colonna chiedendo alla politica di fare la sua parte per tutelare uno dei luoghi più importanti e suggestivi del Sud Italia.civati

(di Filly Pollinzi) E’ inaudito quello che la Procura della Repubblica di Crotone e i carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale hanno tirato fuori dal buio di Capocolonna.  Una vergogna di cui in quanto cittadini ci sentiamo persino colpevoli per tutta la disattenzione che evidentemente abbiamo, malgrado l’amore per quei luoghi. Non c’è furto e crimine peggiore di chi depreda il futuro portando via e svendendo il patrimonio di tutti, la storia di un territorio che ne varca i confini per la sua grandezza.

L’operazione di indagine viene fuori in un momento in cui si ravviva il dibattito sul destino del parco archeologico e di tutta l’area limitrofa, a cominciare da Scifo.  E il venir alla luce delle azioni dei tombaroli, della rete che trafficava i reperti archeologici, addirittura di una sovrintendenza parallela e del coinvolgimento in questa vicenda di chi invece avrebbe dovuto tutelare il bene comune, sa di beffa. Come se quelle picconate sotto l’unica colonna superstite del Tempio di Hera Lacinia le avesse tirate ciascuno di noi.

GUARDA IL VIDEO DEI TOMBAROLI IN AZIONE A CAPO COLONNA

Al di là delle responsabilità penali personali su cui auspichiamo si faccia intera chiarezza e rispetto alle quali  chiediamo sin d’ora che, al momento opportuno, il Comune di Crotone, la Regione Calabria, Il Ministero dei Beni Culturali e ogni singolo cittadino si costituisca parte civile, è ora che l’intera comunità prenda coscienza dell’immenso tesoro di cui è “proprietaria” e si adoperi in ogni modo perché Capocolonna sia da oggi in poi il patrimonio principale da tutelare. E la prima azione per tutelarlo è quella di pretendere in modo definitivo un piano, una programmazione, per la sua valorizzazione, che comprenda tutta la zona dichiarata di grande interesse archeologico-ambientale. Non possiamo più tollerare stupri alla bellezza e alla ricchezza di un territorio che esattamente attraverso le sue peculiarità e i suoi tesori può tirarsi fuori dal buio in cui è confinata da tempo. E certamente questo non può avvenire con la spoliazione di Capocolonna, né, lo ribadiamo, con la costruzione di un villaggio turistico sul quale ancora insistono molti dubbi circa la regolarità delle procedure autorizzative e di cui non abbiamo bisogno se questo significa distruggere il patrimonio culturale e ambientale di tutte e tutti.

Diversamente non rimarrebbe nulla da offrire al turismo che inseguiamo e avremmo commesso l’ennesimo torto (irreparabile) nei confronti dei giovani e delle future generazioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close