Disabilità, Ban Ki Moon: “Adoperarci perché nessuno sia messo ai margini”

Ban Ki Moon

ROMA – “Questioni di inclusione: accesso ed empowerment per le persone di tutte le abilità”: è questo il tema scelto per la Giornata Internazionale per i diritti delle persone con disabilità che si celebra oggi, 3 dicembre. Nel messaggio diffuso per l’occasione, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon ricorda che “quest’anno celebriamo la Giornata internazionale all’indomani dell’adozione dell’ambizioso Programma di sviluppo che guarda, con i suoi obiettivi, al 2030. Questo piano d’azione mondiale ci impegna a prendere tutte le misure affinché nessuno sia lasciato solo. La costruzione di un mondo sostenibile a lungo termine – prosegue Ban Ki Moon -, nel quale nessuno venga escluso esige un impegno senza tregua da parte di tutti, disabili e non. Un buon numero delle questioni affrontate nel Programma di sviluppo 2030 interessano le persone disabili, e noi dobbiamo convogliare i nostri sforzi per concretizzare gli impegni presi”.

Continua il segretario generale: “All’inizio dell’anno, i partecipanti alla terza Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulla riduzione dei rischi di catastrofe hanno constatato che le persone disabili potevano largamente contribuire a promuovere l’adozione di strategie di preparazione alla catastrofi e di interventi, in caso di catastrofe, accessibili a tutti. L’anno prossimo – annuncia il segretario generale dell’Onu – i partecipanti alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo urbano durevole (Habitat III) esamineranno un nuovo programma di sviluppo urbano che punta a rendere le nostre città accessibili a tutti e sostenibili a lungo termine. In questo contesto sarà di cruciale importanza consultare le persone con disabilità”.

“Per il futuro – conclude il suo messaggio Ban Ko Moon – dovremo rinforzare le politiche e le pratiche adottate in materia di sviluppo, in modo che l’accessibilità diventi una delle dimensioni dello sviluppo durevole e non ammetta eccezioni. Per questo sarà necessario conoscere meglio i problemi ai quali fanno fronte tutte le persone disabili (soprattutto procurandoci dati più attendibili, distinti per categoria) e adoperarci perché queste persone abbiano i mezzi per aprirsi nuove prospettive. Tutti uniti in questo intento, disabili e non, possiamo far progredire il mondo vigilando affinché nessuno sia messo ai margini”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close