Garrett e Joan, matrimonio in ospedale e “ballo in carrozzina” dopo l’incidente

Garrett e Joan

Garrett e Joan

BOSTON – Doveva essere un matrimonio “in grande”. Con 200 invitati e una location da sogno, a Long Island. Garrett e Joan, invece, si sono sposati in una stanza d’ospedale, con pochi amici intimi, lei in abito bianco, lui sulla sedia a ruote. “E’ stato diverso da come lo avevo sempre immaginato: ma è stato il giorno più bello della mia vita”, assicura oggi la sposa. A determinare il cambio di “location”, ma non di programma, c’è stato il brutto incidente che ha coinvolto Garrett mentre lavorava: un grave infortunio sul lavoro, visto che è stato travolto da un’auto, insieme ad alcuni colleghi, mentre era impegnato nella campagna elettorale di Hillari Clinton. E forse anche per questo la sua storia, triste sì ma ora anche romantica, è finita su tanti giornali americani e non solo: Garrett, 30 anni, agente dei servizi segreti, è rimasto paralizzato dal collo in giù. Davanti a sé, ha un lungo e difficile periodo di riabilitazione: per coprirne i costi, gli amici hanno lanciato una raccolta fondi che sta avendo un grandissimo successo. La cifra raccolta finora è da capogiro (quasi 270 mila dollari), eppure non sufficiente per coprire le spese della riabilitazione.

Garrett e Joan, però, non hanno voluto rinunciare al loro progetto più importante, quello che stavano preparando con cura da mesi: “Stavamo progettando un grande matrimonio in bianco – racconta afferma Lyall – ma l’incidente ha cambiato completamente il mio punto di vista: mi sono concentrata solo su di lui e sul desiderio di sposare l’uomo dei miei sogni”. Allora, perché attendere il 4 marzo, data fissata per le nozze? Perché non celebrarle subito, trasformando un momento di preoccupazione e di dolore in una giornata di festa e nel coronamento di un sogno? Così, nella stanza d’ospedale di Boston in cui Garrett è ricoverato, alla presenza dei parenti e degli amici più cari, il 9 gennaio Garrett e Joan sono diventati marito e moglie. Lei lo chiama la sua “roccia” e assicura che il loro “ballo”, con la carrozzina spinta dal fratello della sposa, “è stato un momento davvero speciale”. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close