Afghanistan, talebani entrano a Kabul: civili in fuga

Militari in Afghanistan

Militari italiani in Afghanistan (Foto di Francesca Caiazzo, 2012)

I talebani, entrati ieri a Kabul, hanno dichiarato che “la guerra in Afghanistan è conclusa“, e di aver “raggiunto ciò che volevano ottenere”, ovvero “la libertà” del Paese e “l’indipendenza” del popolo afghano. A rilasciare queste dichiarazioni, ai cronisti dell’emittente regionale Al Jazeera, è stato uno dei portavoce dei guerriglieri, Mohammad Naeem.

Le parole del dirigente dei talebani arrivano il giorno dopo il loro ingresso nella capitale Kabul, che è avvenuto senza che si verificassero combattimenti rilevanti. La presa della capitale è l’ultima tappa di un’offensiva che li ha visti conquistare 26 dei 34 capoluoghi di provincia del Paese in meno di due settimane.

Dirigenti dei talebani, che sono voluti rimanere anonimi, hanno riferito ai media internazionali che stanno richiamando rappresentanti dalla diverse province del Paese nell’ottica di istituire un governo, ma che per completare questo passaggio aspetteranno che tutte le forze militare stranieri abbiano lasciato l’Afghanistan.

LA PRESA DI KABUL E LA FUGA DEL PRESIDENTE GHANI

Dopo giorni di conquiste delle principali città dell’Afghanistan, i talebani sono entrati anche nella capitale Kabul. Il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il Paese e, stando a quanto riferiscono i media locali, si è diretto in aereo nel vicino Tagikistan al fine di “evitare che si verificasse un bagno di sangue” nella capitale.

Abdullah Abdullahm, presidente del Consiglio nazionale di riconciliazione afghano (Hcnr), l’organismo che si occupa di gestire le negoziazioni in corso in queste ore in Qatar tra i rappresentati delle parti locali alla presenza della comunità internazionale, ha commentato la partenza di Ghani affermando che il presidente “ha lasciato il Paese in una situazione difficile”, e che “Dio dovrebbe ritenerlo responsabile”.

PERSONALE ITALIANO EVACUATO, POPOLAZIONE IN FUGA

Intorno alle 23.30 italiane di domenica è decollato dall’aeroporto di Kabul un KC 767 dell’Aeronautica Militare per riportare in Italia personale diplomatico che era stanziato nella capitale afghana e alcuni ex collaboratori afghani.

Mentre i Paesi stranieri organizzavano l’evacuazione del personale diplomatico dispiegato in Afghanistan, l’aeroporto di Kabul è stato preso d’assalto dalla popolazione in fuga, alla ricerca di un volo per lasciare la città.

Diversi attivisti hanno denunciato discriminazioni ai danni dei cittadini afghani. Rakhshanda Jilali, un difensore dei diritti umani locale ascoltato dai media internazionali, ha detto che “si sta assistendo all’evacuazione dei diplomatici mentre noi aspettiamo nell’incertezza più totale“. Fonti concordanti hanno riferito che i cittadini stranieri e il personale delle varie ambasciate vengono fatti evacuare dall’ala militare dell’aeroporto. Nei giorni scorsi gli Usa e la Gran Bretagna hanno inviato in Afghanistan rispettivamente 3mila e 600 soldati, proprio nell’ottica di favorire le operazioni per abbandonare il Paese. (Agenzia DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close