(VIDEO) Un camper, un telefono e tre minuti di tempo: migranti più vicini alle famiglie con il Tracing Bus della Croce Rossa

Una cabina telefonica a quattro ruote per chiamare i genitori, i fratelli, gli amici lontani. Il Tracing Bus della Croce Rossa ha fatto tappa a Crotone nei giorni 18 e 19 febbraio 2017. A bordo dell’ufficio mobile CRI, rifugiati, richiedenti asilo e persone migranti avranno la possibilità di ristabilire un collegamento con i propri familiari, usufruendo di una telefonata di tre minuti e del supporto di operatori e volontari della Croce Rossa Italiana.

Ogni anno, infatti, migliaia di persone perdono il contatto con la famiglia a causa di conflitti, calamità naturali o migrazione. Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, avvalendosi della loro rete internazionale, lavorano in tutto il mondo per ripristinare il contatto tra i familiari e offrire assistenza e servizi per il ricongiungimento.

Il progetto “Tracing Bus” è stato ideato dalla Croce Rossa olandese ed è reso possibile grazie ad una collaborazione con “Vodafone Olanda”. Il camper, messo a disposizione della consorella italiana è già stato ha lasciato la Calabria per spostarsi in Sicilia (Catania, Pozzallo, Augusta, Messina e Trapani). Il progetto si concluderà il 5 marzo a Roma.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close