(VIDEO) “Tiragli i capelli”. Maltrattavano bambini e incitavano i piccoli alla violenza: due maestre sospese

sospese maestre isernia maltrattamenti

Un frame del video diffuso dalla Polizia di Stato

È sconcertante il video diffuso dalla Polizia di Stato a seguito dell’operazione Lasciateli giocare, nell’ambito della quale ieri a Isernia, due maestre di una scuola materna, di 49 e 58 anni, sono state sospese per aver inflitto “vessazioni e minacce” su bambini di 2-3 anni che venivano loro affidati.

“Lo scorso novembre – spiegano dalla Polizia – un gruppo di mamme aveva notato il comportamento anomalo dei propri bambini che una volta a casa si lamentavano di atti di violenza subiti a scuola. Allarmate, si erano rivolte alla Polizia per denunciare i fatti e gli investigatori immediatamente attivati dalla Procura, davano il via alle indagini monitorando con telecamere e intercettazioni ambientali gli ambienti dell’asilo”.

Ciò che hanno ripreso le telecamere ha lasciato senza parole e fatto ovviamente indignare: “Quotidianamente li strattonavano, li colpivano sul capo, o li aggredivano verbalmente. Dentro l’aula i bambini erano oggetto di violenze fisiche e verbali e, circostanza ancor più grave, educati ad applicare fra di loro la “legge del taglione” cioè le maestre esortavano i bambini a farsi giustizia da soli, incitandoli a rispondere con violenza alle provocazioni” si legge nella nota della Polizia.

Bravo, tiragli i capelli” dice – nel video diffuso oggi sui social network dagli investigatori – una delle maestre a un bambino mentre il piccolo esegue quanto suggerito dalla donna su un suo compagno.

Il materiale raccolto non ha lasciato dubbi per le due insegnanti di 49 e 58 anni che sono state sospese dal servizio” viene precisato nella nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close