Solidarietà per la missione di Biagio Conte: raccolti 115 mila euro

Biagio Conte

Biagio Conte

PALERMO – Una solidarietà continua e senza limiti è quella manifestata dai cittadini e da altre realtà, impegnate a vario livello, che in questi giorni hanno incrementato la raccolta della somma necessaria a riacquistare i capannoni dell’ex fonderia Basile per la Missione Speranza e Carità del missionario Biagio Conte a Palermo. Dopo lo sciopero della fame di Biagio Conte e la conseguente rinuncia da parte degli imprenditori dei capannoni che avevano acquistato all’asta, la missione adesso sta raccogliendo la cifra necessaria per poterli riacquistare a 164 mila euro. La vicenda dei locali della ex Fonderia Basile ha, infatti, innescato un circuito virtuoso di solidarietà e sensibilità collettiva, in totale sono stati raccolti 115 mila euro. Una cifra di 50 mila euro sarà coperta dalla fondazione Giovanni Paolo II di Firenze mentre il resto sarà frutto di offerte. Anche il vescovo Corrado Lorefice invita le parrocchie a sostenere la missione. “Ho dato indirizzo ai parroci delle chiese palermitane – ha detto l’arcivescovo di Palermo – di devolvere le raccolte della Quaresima a sostegno della Missione di Biagio Conte, dove vengono accolti tanti poveri, che rischiava di perdere i locali dell’ex fonderia Basile”.

Tra i benefattori si è distinto un cittadino che ha offerto diecimila euro e in arrivo ci sono anche altri contributi da comune e Teatro Massimo. A donare con le loro raccolte sono anche scuole, club service e associazioni che si stanno mobilitando per organizzare spettacoli di beneficenza e serate solidali. L’obiettivo è quello di raggiungere la somma di 164 mila euro da restituire agli imprenditori Cannone e Bonetti che hanno comprato all’asta l’ex fonderia e che si sono detti disponibili a rivenderla allo stesso prezzo alla missione.

Tutta questa generosità, espressa in varie forme, sprona fratel Biagio ad andare avanti per migliorare sempre meglio le forme di aiuto concreto da dare alle persone più povere ed emarginate dalla società. “Ringrazio di vero cuore tutti per le iniziative e i risultati che in questi giorni – dice Biagio Conte – sono maturati nei confronti della missione per il recupero dei capannoni per l’accoglienza e la formazione degli accolti. Da questi aiuti riceverò conforto e speranza per andare avanti. Ricordo in particolare il grande gesto degli imprenditori Francesco e Alfredo di volere cedere gli spazi della fonderia alla missione. Per l’altra struttura dei Decollati, ‘La cittadella del povero’ dove sono accolte circa 800 persone, ringrazio pure tutte le autorità per avere dato la possibilità di firmare il comodato d’uso per la concessione degli spazi dove finalmente, dopo 5 anni di attesa, possiamo attivare i pannelli foto-voltaici. Rimaniamo uniti nella preghiera per un mondo più vero e più giusto”.

Il Giornale di Sicilia, in particolare, per la raccolta delle offerte legate ai capannoni dell’ex fonderia, ha lanciato l’iniziativa con l’hashtag #uneuroperbiagio che è subito stata condivisa da tanti lettori siciliani. Coloro che volessero donare, oltre a recarsi personalmente in missione possono collegarsi a www.ilmiodono.it di Unicredit utilizzando la carta di credito o facendo un bonifico online, selezionando la pagina della missione Speranza e Carità. Ci si può recare anche a uno sportello Unicredit o fare un bonifico online sul conto corrente di solidarietà IT 82 Z 02008 04694 000102936547. Rimangono anche gli altri riferimenti della missione: il conto corrente postale 17378902; conto corrente bancario Unicredit IBAN: IT 93 D 02008 04694 000300338107 COD. BIC. BSICITR1277; Banca Prossima IBAN: IT 15D0335901600100000009424. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close