La sfida del “signore di Fukushima”, che non lascia le terre contaminate

fukushima no daimyo

Masami Yoshizawa è “il signore di Fukushima”. A cinque anni dal disastro della centrale nucleare questo allevatore continua a vivere nella sua terra, contaminata dalle radiazioni, compromessa da un inquinamento che non potrà mai essere cancellato.  Masami  ne è cosciente ma non ha mai voluto lasciare la zona di evacuazione e la sua fattoria. Restare è diventata la sua missione, per far conoscere al mondo le tragiche conseguenze di un’esplosione radioattiva.

La sua storia è raccontata nel documentario “Fukushima no daimyo” (Il signore di Fukushima) di Alessandro Tesei, girato a due anni dall’incidente, nelle zone evacuate e poi riaperte, ma rimaste abbandonate a causa delle massicce dosi di radiazioni presenti. Sullo sfondo surreale delle città fantasma di Nahara e Odaka, Masami si racconta in un’intervista angosciante dove spiega le ragioni della sua scelta e il gesto eroico di un uomo che decide di sacrificare la sua esistenza per dare un messaggio al mondo intero. Allo stesso tempo solleva una questione inquietante: bisogna fuggire ed abbandonare la propria terra contaminata o accettare l’esposizione e lottare, continuando a viverci?

Il video ha vinto il Premio speciale della giuria (sezione Corti della Realtà) nell’edizione 2014 del Premio L’anello debole. Queste le motivazioni: “Le immagini surreali e struggenti di una città fantasma perché evacuata poche ore prima dello tsunami e del disastro nucleare di Fukushima e soprattutto la storia dell’uomo che ha scelto di rimanere in quella città e per il quale gli abitanti ‘devono poter scegliere di tornare’, costituiscono una testimonianza unica per far comprendere le logiche e i pericoli inconfessabili che si nascondono dietro la quotidianità del benessere”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close