Il riscatto delle donne afgane grazie alla coltivazione dello zafferano

MILANO – Il riscatto può venire da un fiore delicato che ha pistilli profumati. In Afghanistan, nella zona di Herat, decine di donne, molte delle quali vedove, riescono a condurre una vita dignitosa grazie alla coltivazione dello zafferano. “Quando si diventa vedove la vita diventa molto difficile nel nostro Paese”, spiega Najir Kabir, medico e fondatore a Rho (in provincia di Milano) di una società di import che commercializza in Italia lo zafferano delle donne di Herat. “Il 50% del guadagno arriva a loro -spiega-. Con quei soldi hanno dato vita anche ad altre attività, come panetterie e sartorie, gestite insieme da piccoli gruppi donne”. L’iniziativa di Kabir rientra in un progetto più ampio del governo afgano per la promozione delle donne, che vivono nelle zone rurali. Vengono aiutate ad avviare attività e a esportare i loro prodotti. Najir Kabir e le confezioni di zafferano delle donne di Herat sarà presente a Fa’ la cosa giusta!, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, organizzata a Milano da Terre di mezzo, dal 18 al 20 marzo, nei padiglioni di Fieramilanocity. “Ci saranno anche due donne afghane, rifugiate in Italia, che hanno avviato una piccola produzione di dolcetti naturali”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close