Genova, in catene su terrazzo: sequestrati due cani

Cani salvati da Oipa

L'inferno di Rascia e Cuper

GENOVA – Una cuccia calda, buon cibo, passeggiate e tante attenzioni da parte dei loro compagni umani. Questo avranno desiderato per chissà quanto tempo Rascia e Cuper, due cani di circa dieci anni d’età, costretti a vivere in terrazzo che si è trasformato nel tempo in un vero e proprio lager.

Le condizioni del terrazzo
Le condizioni del terrazzo

I due cani vivevano legati ad una catena della lunghezza di non più di un metro e mezzo, coperti dalle intemperie solo da un tendone di plastica e costretti a giacere su un pavimento completamente lastricato di feci, tanto che le stesse ciotole dell’acqua e del cibo ne erano sommerse. Completamente abbandonati a se stessi, non potevano accedere in casa, né uscire da quell’inferno.

cni salvati oipa
Rascia e Cuper

Sequestrati dalle Guardie eco zoofile dell’OIPA, sono stati condotti presso il canile comunale di Genova, dove i due cani si sono letteralmente fiondati sul cibo che gli è stato offerto, segno del fatto che pur non essendo visibilmente denutriti, fossero a digiuno già da diversi giorni.
La proprietaria, che era anche priva dei relativi libretti sanitari, è stata sanzionata e denunciata per maltrattamento e abbondono di animali, mentre Rascia e Cuper hanno già trovato un’adozione di coppia. (OIPA)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close