AiBi, adozioni internazionali in aumento

adozioni internazionali

MILANO La crisi dell’adozione internazionale non passa per Ai.Bi. Il 2015 per Amici dei Bambini è stato un anno molto positivo, facendo segnare un incremento sia sul fronte dei minori stranieri accolti da famiglie italiane che su quello delle coppie che hanno portato felicemente a conclusione il loro percorso adottivo. Il confronto con l’anno precedente, dice che i bambini stranieri adottati con Ai.Bi. nel 2015 sono cresciuti del 13%, passando da 155 a 175, ovvero 20 in più. In crescita anche le coppie che nel corso dell’anno hanno ottenuto l’autorizzazione all’ingresso in Italia del loro figlio adottivo: il loro numero è salito da 119 del 2014 a 133 del 2015. Venti coppie in più che, tradotto in termini percentuali, vuol dire un incremento del 12%. Tra i neo-figli adottivi delle famiglie Ai.Bi. aumentano sia i maschi che le femmine. I fiocchi azzurri dell’adozione sono passati da 89 del 2014 a 100 del 2015. Salgono anche i fiocchi rosa dell’accoglienza: nell’anno appena trascorso sono stati 75, 9 in più rispetto ai 66 dell’anno precedente.

Analizzando la situazione Paese per Paese, le notizie più positive del 2015 sono arrivate da Brasile, Bulgaria, Russia e Cina.  Quest’ultimo è ancora in testa nella speciale classifica dei Paesi di origine dei bambini adottati con Ai.Bi.: la Cina ha primeggiato sia nel 2014 che nel 2015, ma nell’anno appena terminato rispetto a quello precedente ha fatto anche registrare un aumento di coppie e minori accolti, passando in entrambi i casi da 39 a 44 (+13%). Ottimo il risultato ottenuto anche dalla Bulgaria dove, nel 2015, le 14 coppie di Ai.Bi. (4 in più del 2014, +40%) hanno adottato ben 22 bambini (+8 rispetto al 2014, ovvero +57%). E di vero boom dell’adozione internazionale “made in Ai.Bi.” si può parlare in Brasile, dove i dati in un solo anno si sono più che raddoppiati. Se nel 2014, nel Paese sudamericano, 6 coppie avevano accolto 10 minori, nell’anno da poco concluso le  coppie sono diventate 14 (+133%) e i bambini adottati addirittura 24 (+140%). Anche la Russia nel 2015 ha quasi doppiato il 2014, passando da 13 a 20 coppie accoglienti (+54%) e da 14 a 24 minori adottati da Ai.Bi. nella Federazione (71%).

Più attenuato l’aumento, ma pur sempre molto positivi i dati per quanto riguarda il Perù. Nel Paese andino le coppie adottive di Ai.Bi. sono salite in un anno da 13 a 16 (+23%) e i minori accolti da 21 a 23 (+9,5%). Dall’Est Europa arrivano altre due ottime notizie: dopo anni di stallo è stato accolto il primo bambino dalla Romania mentre dal Kosovo sono rientrati ben due minori (risultato migliore dal 2007). Generalmente stabili gli altri Paesi, dall’Albania al Cile alla Colombia. Quest’ultimo è anche il Paese che ha il migliore rapporto tra numero di minori adottati e numero di coppie adottive: in media ogni coppia Ai.Bi. che ha adottato in Colombia nel 2015 ha accolto 2,5 bambini. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close