Zongo, una suora e un imam per aiutare i profughi del Centrafrica

nella foto Suor Maria Concetta e l’imam Moussa Bawa (credit: Brian Sokol/Panos Pictures/Luz)

ZONGO – Una missionaria italiana e un leader musulmano insieme per aiutare i profughi del Centrafica. Suor Maria Concetta, 80 anni, cura gli sfollati nel suo ospedale nella Repubblica Democratica del Congo, mentre l’imam Moussa Bawa, 72 anni, li ospita nella propria casa e predica la virtù del perdono. A questi due vecchi amici, che insegnano la pace in una regione devastata dalla guerra è dedicato un articolo di Céline Schmitt pubblicato da Africa.

Suor Maria è arrivata in Congo nel 1959 e da allora ha aiutato a nascere oltre ventimila bambini. Dal 1984 lavora infatti come ostetrica a Zongo, una piccola clinica gestita dalle Figlie di San Giuseppe di Genoni. L’ospedale è un punto di riferimento per quasi quindicimila persone che vivono nel campo profughi di Mole. Quando è indispensabile un intervento chirurgico o un trattamento di lungo termine, L’Alto Commissariato Onu per i rifugiati invia lì le persone che necessitano di cure. “Le vittime più fragili sono i bambini, i figli dei profughi, costretti a vivere un infanzia da esuli – dice nell’articolo. – Noi cerchiamo di lenire le loro sofferenze accogliendoli nelle nostre scuole”.

Mentre suor maria si concentra su come curare i profughi e mandare i loro figli a scuola,Moussa Bawa, imam di Zongo, insegna ai rifugiati la virtù perdono: li accoglie a casa sua, ascolta i loro problemi e offre loro consigli. “Dobbiamo parlare a una persona e poi al suo nemico, e dobbiamo cercare un’opportunità per riconciliarli”, dice nell’articolo. Moussa predica il perdono e la pazienza durante la preghierta del venerdì: “Se qualcuno ha ucciso tuo fglio o tuo padre, è impossibile dimenticarlo, ma è possibile perdonare. Anche Dio perdona”.

La suora e l’imam non credono che il problema delle tensioni in Centrafica sia religioso ma politico. “La fede non divide, è la politica che semina odio tra le persone – dice Moussa Bawa. – Quando Dio disse: ‘Vivete insieme’, non ha fatto alcun riferimento a cristiani e musulmani. Ha detto ‘insieme’”.
“Moussa e io ci conosciamo bene, da una vita – aggiunge la suora. – Organizziamo eventi insieme per far convivere le due differenti religioni. Il nostro è un messaggio di pace e fratellanza. Che cerchiamo di propagandare anzitutto con il nostro esempio, con la nostra amicizia”. (RS)

(photo credit: Brian Sokol/Panos Pictures/Luz)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close