Tutto sui dischi freno: come funzionano, quando è il momento di cambiare e quando cambiare

dischi freno

foto da pixabay.com

Guidare in sicurezza è una prerogativa che ogni automobilista dovrebbe rispettare. Osservare le regole del Codice della strada e non trascurare la manutenzione ordinaria del proprio veicolo sono il modo migliore per far viaggiare se stessi e gli eventuali passeggeri in tutta tranquillità. E tra le componenti auto che bisogna monitorare, c’è sicuramente il sistema frenante e, in particolare, i dischi freno: ecco come funzionano, come e quando cambiarli.

Come funzionano i dischi freno

Il sistema frenante a disco è relativamente recente e ha sostituto il vecchio sistema a tamburo. Questa componente meccanica del veicolo è composta da diverse parti che permettono al guidatore, attraverso un pedale, di rallentare la corsa del mezzo. C’è il disco, appunto, che può essere in ghisa o in acciaio e che è sistemato sulla ruota. Poi ci sono le pinze che, composte da materiale d’attrito, svolgono l’azione frenante spingendo sulle pastiglie, che premono a loro volta sul disco. Il funzionamento del sistema è assicurato dall’efficienza di ogni singola componente, che può però rovinarsi nel tempo. I dischi freno, in particolare, sono soggetti ad usura, assottigliandosi, a causa della frizione esercitata dalle pastiglie: più sono consumati, minore sarà l’effetto frenante.

Quando è necessario cambiarli

Generalmente, un guidatore esperto impara a “sentire” l’effetto frenante, riconoscendo il momento di quando bisogna controllare il sistema di frenatura e procedere ad eventuali ricambi. Tra i segnali che indicano che qualcosa non va: frenata rumorosa, vibrazioni, segni di surriscaldamento. Va comunque detto che i produttori di dischi freno indicano lo spessore minimo, che rende la componente ancora utilizzabile: se inferiore, va necessariamente sostituito. Ma la vita di questo elemento del sistema frenante dipende anche dall’utilizzo che si fa del veicolo: la guida in città rispetto a quella in autostrada, ad esempio, costringe a maggiori rallentamenti per via del traffico, dei pedoni, dei semafori, usurando maggiormente le componenti. Inoltre, i dischi anteriori andrebbero cambiati più spesso di quelli posteriori, perché sottoposti a carichi maggiori: indicativamente dopo 80.000-120.000 chilometri i primi, dopo 130.000-170.000 chilometri i secondi.

dischi freno
Illustrazione dei dischi freno dal sito pezzidiricambio24.it

Come sostituirli

L’operazione per sostituire i dischi freno non è particolarmente complessa, ma per eseguirla correttamente (attenendosi con scrupolo alle indicazioni del produttore) bisogna avere un po’ di esperienza e dimestichezza con supporti e attrezzi. Per alcuni, poi, potrebbe risultare faticoso rimuovere la ruota e, in questo caso, farsi dare una mano da un parente o un amico più esperto potrebbe tornare utile. Ricordate, infine, che sul web è ormai possibile trovare tutorial accurati e precisi per cimentarsi in qualsiasi cosa, anche nei ricambi auto: provate a dare un’occhiata e se non siete sicuri di farcela, rivolgetevi al caro, vecchio meccanico di fiducia.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close