Studio Battaglia, anticipazioni prima puntata

Marina e le sue figlie Anna e Nina tornano protagoniste su Rai 1 con tre prime serate a partire da martedì 19 marzo

Ufficio Stampa Rai

https://www.amazon.it/baby-reg/homepage?&linkCode=ll2&tag=wereporter-21&linkId=e80123513212f640c97bc5149b25d35b&language=it_IT&ref_=as_li_ss_tl

Marina e le sue figlie Anna e Nina tornano protagoniste su Rai 1 con tre prime serate a partire da martedì 19 marzo quando andrà in onda la prima puntata di Studio Battaglia. La seconda stagione della fiction riprende le linee narrative rimaste in sospeso alla fine della prima, sempre nel solco del legal drama misto a comedy familiare, con un punto d’osservazione tutto al femminile. La sceneggiatura, ancora firmata da Lisa Nur Sultan, resta attenta ai temi più attuali: diritto all’oblio, divorzio breve, haters online, adozioni, figli che non raggiungono l’indipendenza economica, separazioni in tarda età, relazioni tossiche e difesa della privacy.

Studio Battaglia, anticipazioni prima puntata

Dopo l’acquisizione dello Studio Battaglia da parte di Zander, le tre avvocate Battaglia tornano a lavorare insieme, stavolta nello splendido studio vetrato, che ora si chiama Studio Zander Battaglia. Gli accordi prevederebbero che Marina si facesse da parte appena chiuse le cause in corso, concedendosi il tanto agognato viaggio in Giappone e godendosi il tempo libero, ma lei sembra
avere altri piani e questo porta non poca tensione con Zander.

Mentre Marina e Nina lavorano sul caso del Professor Loi, un docente di religione in pensione che vorrebbe cambiare vita, Anna è concentrata su Massimo: la passione è sempre più travolgente, ma lei cerca ancora di far funzionare il matrimonio con Alberto e teme di far soffrire i figli. All’uscita di scuola conosce Michela Fini, una famosa chef-influencer nota a tutti come “Michela in famiglia”, che ha bisogno del suo aiuto.

LEGGI ANCHE–> Bridget Jones’s baby, trama e cast del film

E anche Carla Parmegiani ha un problema perché alcuni haters stanno danneggiando l’immagine del bel ristorante che ha appena acquistato con i soldi del divorzio perché come dice “Rinascite” – il podcast che tutti ascoltano – “Non è mai troppo tardi per cominciare una nuova vita”.

Studio Battaglia, la seconda stagione

La storia narrata nelle tre serate – da 100 minuti ciascuna – mostra le sorelle Anna e Nina che, insieme alla madre Marina, tornano a lavorare nel prestigioso Studio Zander, ora diventato Zander Battaglia. I patti erano che Marina sarebbe uscita di scena appena chiuse le ultime cause ma per Zander liberarsi di lei si rivela più arduo delprevisto. Per Anna, travolta dalla passione per Massimo alla fine della prima stagione, giunge il momento di fare una scelta: seguire il cuore o la famiglia.

Tre avvocate divorziste, ma le donne Battaglia sono quattro e Viola, la sorella minore, neo-sposa, racconta un modo diverso di vivere la quotidianità, alle prese con le difficoltà della vita adulta, la lotta per affrancarsi dalla famiglia e il costo folle degli affitti milanesi. Ognuno degli episodi sviluppa un caso legale, affidato allo Studio Zander Battaglia, che va a trattare alcuni  tra i temi più attuali del diritto di famiglia.

Inoltre, Anna affronta un doloroso caso di separazione legale, accettando di rappresentare la famosa chef-influencer “Michela in famiglia” contro il marito Corrado, uomo manipolatore che controlla e gestisce il fortunato business che hanno creato. (Ufficio Stampa Rai)