Rossano, a quattro mesi dall’alluvione tutto tace

alluvione Rossano

ROSSANO (CS) – Manca ancora l’illuminazione pubblica in alcune zone; i detriti trasportati dalla furia del torrente in piena giacciono nei terreni dei privati cittadini; alcune attività commerciali sono state costrette alla chiusura; abusi edilizi che continuano a ripetersi. C’è chi ha perso tutto, mobili, casa e auto. A Rossano, a distanza di 4 mesi dalla tragica alluvione del 12 agosto scorso, tutto tace.

E’ un appello a Regione e Governo quello lanciato, durante l’incontro con il comitato dei cittadini, dal sindaco Giuseppe Antoniotti che al presidente Mario Oliverio chiede di destinare i fondi disponibili ai privati che hanno subito danni e non al Comune.

“A noi – dice il primo cittadino – servono solo mezzi e uomini per la messa in sicurezza del territorio”. Ma il sindaco si rivolge anche al Governo nazionale chiedendo di sbloccare le risorse destinate all’emergenza: “a distanza di quattro mesi – ha aggiunto – non abbiamo ancora ricevuto riscontri rispetto ai 3,9 milioni stanziati per le somme urgenze. Mentre dalle richieste pervenute in Comune, i danni subiti dai privati si aggirano attorno ai 15milioni di euro. Il Governo – conclude Antoniotti – trovi i fondi almeno per questi cittadini”.

Redazione

Guarda il servizio sul nostro canale YouTube

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close