Povertà: presto in Puglia il reddito di dignità per 60 mila persone

BARI – “Ci sono molte posizioni ideologiche sul reddito minimo che spesso viene definito come misura assistenzialistica” ha aperto così Elena Granaglia, docente dell’Università degli studi Roma Tre, il seminario svoltosi a Bari presso l’aula Magna dell’università, dal titolo “Politiche di contrasto alla povertà: il quadro nazionale e la proposta del reddito di dignità in Puglia“, la nuova misura di contrasto alle povertà in corso di discussione in questi giorni in Puglia in Consiglio regionale. La misura, di tipo universalistico, fornirà sostegno economico e inclusione sociale attiva a 60 mila persone in Puglia, cioè il 20% delle persone pugliesi che vivono in povertà assoluta. Al convegno partecipano Chiara Saraceno del Collegio Carlo Alberto di Torino, il presidente nazionale dell’INPS, Tito Boeri, Vito Peragine dell’Università di Bari e il presidente della Giunta regionale Michele Emiliano. “Il primo motivo per cui occorre difendere il reddito minimo è etico – ha continuato Granaglia – perché è la risposta ad un bisogno, un diritto, il diritto al reddito, il diritto quindi di cittadinanza. Fa leva sull’idea che ci sono delle risorse comuni,  che sono di tutti, del ricco come del povero”. Tuttavia Elena Granaglia non può sottacere che di per sé è “una delle misure più difficili e insidiose, densa di trappole, la prima è di guardare gli altri come diversi da noi. La seconda riguarda la questione dell’attivazione. Il reddito deve essere sì di attivazione ma si deve fare anche molta attenzione al meccanismo di attivazione e alla procedura, ponendo particolare attenzione a disegnare un reddito che sia un diritto e che non si trasformi in una misura di disuguaglianza”.

“Stiamo arrivando con un grave ritardo all’adozione di misure di contrasto alle povertà ed è molto interessante che questo accada prima nelle periferie del nostro Paese” ha detto il presidente di Inps Tito Boeri. “In Italia la povertà, in questa interminabile crisi, è cresciuta maggiormente nella fascia al di sotto dei 65 anni. Abbiamo affrontato questa crisi senza alcuno strumento”. Sono molti i punti di contatto della misura regionale con quella nazionale che ancora stenta a partire. “L’aspetto importantissimo – ha sottolineato Boeri – è la raccolta di informazioni sui beneficiari. Il primo aspetto riguarda l’Isee che, nella nuova versione, i dati ci dicono, sta funzionando molto bene. Il secondo aspetto riguarda il casellario dell’assistenza su cui si sta lavorando. Io mi illudo che un giorno in Italia ci sarà uno strumento di contrasto alle povertà senza che queste persone debbano fare alcunché perché ne possano beneficiare, senza che essi si mobilitino per raggiungere questo obiettivo, senza richieste, abbattendo ogni intermediazione, perché in Italia è troppo radicata l’idea che per conseguire un diritto occorra chiedere a qualcuno”. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close