Nigeria, libera una delle ragazze rapite da Boko Haram

ragazze rapite da Boko Haram

ROMA – Una delle 270 studentesse di Chibok rapite da Boko Haram nel 2014 è stata ritrovata sana, salva e madre di un bambino di dieci mesi. Lo riferisce la Bbc facendo suo quanto dichiarato da fonti militari nigeriane.

Il ritrovamento è avvenuto a Pulka, nel nord dello stato di Borno, nel corso di un’operazione atta a stanare alcuni miliziani del noto gruppo estremista, che tra il folto della foresta di questo Stato trovano rifugio.

L’ultimo gruppo di giovani studentesse riportato a casa risale a circa un mese fa, quando in seguito a un negoziato – in cui erano intervenuti la Croce rossa internazionale (Icrc) e il governo svizzero – i miliziani hanno accettato di liberarne 21.

Le autorità hanno fatto sapere che tuttavia non smetteranno di cercare le circa 200 ragazze ancora in mano ai jihadisti. (DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close