Iraq, ritrovate due anziane sopravvissute all’occupazione dell’Isis

È la principale città cristiana dell’Iraq, nella piana di Ninive a nord di Mosul. Fino al 2014 Qaraqosh aveva circa 60 mila abitanti, a cui si sono aggiunti gli sfollati cristiani di Mosul e quelli che fin dal 2003 erano scappati da Baghdad. Nel 2014 Qaraqosh è stata occupata dall’Isis e gli abitanti sono stati costretti a lasciare le proprie case, in gran parte accolti nel Kurdistan iracheno. Non tutti però hanno potuto abbandonare la città. Due anziane donne – che non sono fuggite perché avrebbero rallentato la fuga degli altri – sono rimaste e sono sopravvissute ai 25 mesi di occupazione. Sono state ritrovate una decina di giorni fa, quando la città è stata liberata. “Sono rimaste lì – ha raccontato Mustafa Jabbar, coordinatore di Focsiv nel Kurdistan – Erano troppo anziane per fuggire, non avrebbero saputo come fare. Sono rimaste sole con la paura che se fossero state scoperte non avrebbero avuto vita lunga. La storia è andata diversamente”.

“La dispensa era ancora ben rifornita e nei primi mesi ha permesso loro di sopravvivere nascoste agli occhi degli uomini dell’Isis, che non avevano preso in considerazione la loro casa – racconta Jabbar – Poi sono state scoperte, hanno temuto il peggio. Con le minacce sono state obbligate a convertirsi, recitando la professione di fede. Ogni tanto ricevevano un po’ di cibo, ma la salute ne ha risentito: non avendo ricevuto le cure necessarie una delle due donne ha perduto la vista, l’udito e non riesce a camminare”. Ritrovate dall’esercito iracheno, le due donne ora si trovano a Erbil dai parenti.

Focsiv è presente da 2 anni nei campi profughi di Erbil, nel villaggio di Dibaga e a Kirkuk. I volontari italiani si occupano di provvedere alle prime necessità nell’emergenza, hanno allestito un asilo per i bambini per consentire alle madri di lavorare o frequentare corsi di cucito, hanno avviato attività sportive per i più grandi in modo da essere occupati anche nel doposcuola e poter avere una vita il più possibile adatta a bambini e adolescenti e hanno organizzato corsi di formazione e di lingua inglese e curda. Focsiv si occupa anche delle persone più vulnerabili come le donne con neonati a cui, spesso, manca il latte a causa dello stress e della paura fornendo loro latte in polvere, rivolge un’attenzione particolare ai disabili, con cure specifiche e medicinali, distribuisce cibo e indumenti. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close