Milano, cristiani e musulmani pregano per la pace

MILANO – Serata all’insegna del dialogo interreligioso e della pace. La Comunità di Sant’Egidio e le principali comunità musulmane di Milano si ritrovano dopo il tramonto per “pregare e mangiare insieme, festeggiando l’Iftar, la rottura quotidiana del digiuno”. L’incontro, previsto per questa sera, si tiene nelle sede di Sant’Egidio (via Lanzone 13) a partire dalle 20.30. Cristiani e musulmani, per l’occasione, hanno sottoscritto un appello  alla pace. “In un tempo segnato da divisioni e crescente diffidenza, specie nelle grandi città europee, cristiani, musulmani da Milano vogliono dire insieme che i credenti debbono unirsi per non lasciare spazio alla violenza e a tutte le forme di estremismo, cercando nel profondo della propria tradizione di fede – tesa al raggiungimento della pace – quelle energie buone che possono unire genti diverse, riconciliare chi è distante, curare le ferite di società fragili e frammentate. L’incontro vuole affermare con una sola voce che le religioni sono una forza di pace al servizio del bene di tutti e che ci vogliamo impegnare in un comune sforzo per rendere la città più umana e solidale, a cominciare da chi è più debole e solo. Con la preghiera e la condivisione, invitiamo a non innalzare muri ma ad aprirsi all’accoglienza di quanti cercano qui un futuro migliore. Noi cristiani e musulmani – italiani ed europei – vogliamo dire concordi che è possibile costruire un futuro per il nostro continente nel pluralismo, nella solidarietà e nella pace”.

Oltre che da Sant’Egidio, l’appello è firmato da: Associazione Interculturale Alba, Associazione Islamica di Milano Moschea Mariam – Caim (Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza), Centro Islamico di Milano e Sesto, Comunità Sciita, Confraternita Sufi Jerrahi Haleveti, Giovani Musulmani d’Italia, Istituto Culturale Islamico di Viale Jenner, Unione degli Albanesi Musulmani in Italia, Casa della Cultura Islamica. L’iniziativa è sostenuta anche dal rav. Giuseppe Laras della Comunità ebraica di Milano che per l’occasione ha inviato un messaggio di saluto. (Agenzia redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close