“Migrantour”: i migranti guide turistiche nei quartieri dell’Italia multietnica

Migrantour Milano

Migrantour Milano

TORINOEssadiya ha 36 ed è nata in Marocco. A Torino ci è arrivata per lavoro, nel 2006; ma negli ultimi 5 anni ha accompagnato circa duemila persone – in gran parte torinesi – a visitare alcuni degli angoli più caratteristici della città. La incontriamo in un mercoledì mattina di metà dicembre, nel mercato rionale di Porta palazzo: è circondata da un gruppo di studenti delle superiori, ai quali sta spiegando il funzionamento delle due ghiacciaie ottocentesche che l’architetto Massimiliano Fuksas ha voluto lasciare in bella mostra per i visitatori del Centro palatino, la galleria di negozi ristrutturata qualche anno fa.  “In origine –  spiega la donna – questo posto era stato pensato per ospitare gli ambulanti cinesi che vendono vestiti sul marciapiede esterno, in modo da sgombrarlo. Ma gli affitti erano troppo cari per loro, e i negozi sono stati presi in gestione quasi esclusivamente da italiani”.

Porta palazzo ospita il mercato all’aperto più grande d’Europa: una piccola Babele di etnie, suoni e aromi provenienti da ogni angolo del mondo, “dove ogni giorno – precisa Essadiya – si mescolano almeno sessanta tra lingue e dialetti diversi”. Il suo compito, stamattina, è guidare i ragazzi alla scoperta di uno dei quartieri a maggior densità migratoria della città. Nella sola Torino, attualmente,  ci sono almeno quindici stranieri che svolgono regolarmente questo genere d’attività: a formarli è stata l’agenzia “Viaggi solidali”, il primo tour operator italiano a occuparsi di turismo responsabile. Attiva da 15 anni, nella stessa zona del mercato, nel 2009 l’agenzia ha avuto un’idea: “portare i torinesi a scoprire il mondo fuori casa”, spiega Francesco Vietti, 35 anni, dottore di ricerca in Antropologia delle migrazioni; è stato lui a ideare Migrantour, un progetto che ai migranti ha affidato il compito di accompagnare turisti e concittadini a riscoprire i luoghi caratteristici delle migrazioni nelle città italiane. “A Torino – racconta – abbiamo cinque itinerari tematici: i primi due attraversano i quartieri di Porta Palazzo e San Salvario, ai quali si sono presto aggiunti Mirafiori sud e corso Regio Parco. L’ultimo, in ordine di tempo, è quello di Borgo San Paolo, una zona in cui negli ultimi anni si è stabilita una numerosa comunità latinoamericana”. Ognuna delle zone elencate da Vietti ha alle spalle una lunga storia di immigrazione: prima ancora che degli stranieri, queste strade furono meta di migliaia di meridionali, che nel secolo scorso si trasferirono a Torino per lavorare negli stabilimenti Fiat. Col tempo – mentre le loro inflessioni dialettali si contaminavano col Piemontese, dando origine a un dialetto che in regione costituisce una lingua a sé – in città iniziavano ad arrivare i primi espatriati nord africani, seguiti a stretto giro da cinesi ed est europei.

Essadiya durante il Migrantour

“Oggi – spiega Essadiya ai ragazzi, attraversando la sterminata distesa di bancarelle – a Torino vivono quasi 60 mila persone solo per quanto riguarda la comunità romena, la più numerosa in assoluto. Subito dopo ci sono Marocco, Perù e Cina”. Gran parte di queste etnie sono ben rappresentate nel mercato rionale, che col tempo è andato suddividendosi in quattro distinti settori: nel lato sud ovest, quello dei banchi di frutta e verdura, lavorano prevalentemente magrebini e vecchi immigrati dell’Italia meridionale; il quadrante opposto, invece, è occupato da cinesi, pakistani e asiatici che vendono scarpe, pelletteria e abbigliamento. Sul versante nord, oltre al Centro palatino, c’è la “Tettoia dell’orologio”, la zona del mercato coperto; dietro la quale si contano decine di negozi di prodotti tipici provenienti da Asia e nord Africa: è in uno di questi che, a metà mattinata, Essadiya porta i ragazzi a fare uno spuntino. “Si tratta della prima panetteria magrebina aperta in città” spiega, invitandoli ad assaggiare dolci come le Chebakia, “ciambelle di sesamo arachidi e miele”; o i makroud, “biscotti fritti, che vengono farciti con datteri, cannella e scorza d’arancia”.  L’elemento gastronomico occupa grande spazio nel giro di Porta palazzo; “mentre a San Salvario – continua Vietti – si tende a soffermarsi maggiormente sui luoghi di culto; dal momento che, nell’arco di qualche centinaio di metri,  il quartiere ospita la sinagoga, il tempio Valdese e la prima moschea aperta a Torino”.

L’idea di Mygrantour, Vietti l’ha avuta lavorando al Ctp Parini, uno dei centri territoriali permanenti dove gli stranieri frequentano i corsi d’italiano; tra le sue allieve c’era proprio Essadyia, la prima tra le guide ad aderire al progetto. “Dal 2009 – continua –  soltanto a Torino ne abbiamo addestrati una ventina, provenienti da Marocco, Tunisia, Sudan, Cina, Senegal, Romania, Perù e Colombia. Da allora hanno accompagnato oltre 11mila persone: in genere si tratta di scuole o associazioni provenienti dalla città e dai paesi limitrofi; ma durante il World economic forum di ottobre, ad esempio,  gli organizzatori hanno voluto acquistare 5 passeggiate per i delegati”. Mygrantour, in effetti, ha superato quasi subito la dimensione prettamente locale: a Torino si sono presto aggiunte  le città di Genova, Firenze, Milano, Roma e Napoli; ma di recente il progetto ha attraversato anche  i confini nazionali, sbarcando a Parigi, Lisbona, Marsiglia e Valencia. (Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close