Migranti, Cantone: “Arresti in Calabria solo la punta dell’iceberg”

NAPOLI – “Purtroppo questa vicenda, che potrebbe meravigliare ma non meraviglia, credo che sia il vertice di un iceberg e certamente non una vicenda unica“. A dirlo è Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, commentando a Napoli i 68 arresti inflitti nei confronti della cosca calabrese Arena che gestiva il Cara di Isola Capo Rizzuto.

Per il numero uno dell’Anac il tema è che dietro l’emergenza migranti e il fatto di “trovare loro una sistemazione” spesso “si abbassano le garanzie e i criteri da utilizzare. Ci sono – aggiunge – tanti interessi significativi e c’è qualcuno che ne approfitta”.

Cantone spiega come ci sia un “problema” rispetto alla gestione dei fondi “e noi – continua – lo abbiamo già in parte segnalato perché finalmente il Ministero dell’Interno ha fatto un decreto che non è ancora del tutto applicato sulle modalità con cui devono essere gestiti questi appalti che sono sempre più economicamente interessanti”. (DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close