Migranti, ad Albinea l’integrazione viaggia in bicicletta

albinea profughi in bici

Foto: Gazzetta di Reggio

ALBINEA (RE) – Si chiamano Soulaymane, Mostafa, Lamine, Keba e Kale. Sono originari del  Senegal e del Bangladesh e, da settembre 2015, sono stati accolti ad Albinea, in provincia di Reggio Emilia, attraverso Mare Nostrum. Da qualche settimana, i 5 profughi hanno a disposizione 5 biciclette per raggiungere i luoghi di volontariato e studio. Un risultato ottenuto grazie all’associazione Tuttinbici – Fiab  Reggio Emilia, che da 31 anni sostiene una mobilità diversa, e al primo cittadino del paese, Nico Giberti. “Lo spunto è arrivato proprio dal sindaco che ha messo a disposizione una vecchia bici del figlio, noi abbiamo trovato le altre quattro”, spiega Gianfranco Fantini, presidente dell’associazione.

In 4 incontri, i volontari dell’associazione Tuttinbici – Fiab Reggio Emilia hanno spiegato ai neociclisti perché la bici è un mezzo di trasporto con pari, se non maggiore, dignità, rispetto alle automobili, “fa bene all’ambiente e alla nostra salute”, mostrato loro le criticità, in particolare la questione della visibilità durante le ore notturne (e per questo hanno regalato ai ragazzi dei giubbini catarifrangenti), e poi hanno insegnato loro ad aggiustare le biciclette con i pezzi di ricambio acquistati grazie alla Dimora d’Abramo che, a Reggio Emilia, si occupa di accoglienza di migranti.

Grazie alla Dimora d’Abramo, l’associazione Tuttinbici è entrata in contatto con alcune donne di origine straniera che non sapevano andare in bicicletta e ha promosso un corso ad hoc. Al corso hanno partecipato in 4, di cui 2 hanno già imparato ad andare da sole, anche se non ancora in mezzo al traffico. “Vedere una persona adulta che non sa andare in bici, imparare e poi andare da sola è una soddisfazione enorme sia per noi che per loro”.

Nata nel 1984, Tuttinbici – Fiab Reggio Emilia conta circa 200 tesserati e promuove cicloescursioni su strade non trafficate e ciclismo urbano. L’associazione organizza corsi di manutenzione, ha allestito una ciclofficina per i soci nella sede e tiene laboratori nelle scuole per far conoscere la bicicletta. In più, grazie alla Fondazione Manodori, ha acquistato 30 bici che mette a disposizione delle scuole per accompagnare i bambini nelle uscite. (Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close