Michele Bravi incidente: il ritorno alla vita e il percorso terapeutico

michele bravi incidente

La vita di Michele Bravi è totalmente cambiata dopo l’incidente. Il giovane cantante, divenuto famoso a X Factor e oggi tra i protagonisti di Amici Speciali, ha investito una motociclista a Milano nel 2018, uccidendola. Il 26enne ha subito un processo, ha chiesto di patteggiare e ora vorrebbe ritornare a vivere.

Michele Bravi incidente, cosa è successo

Era il 22 novembre del 2018 e il cantante era alla guida di un’autovettura noleggiata col car sharing per le strade di Milano. Arrivato in via Chinotto, mette la freccia per svoltare a sinistra e immettersi in un passo carraio. Proprio in quel momento però sopraggiunge una moto guidata da Rosanna Colia 58 anni, che non fa in tempo a frenare. L’impatto è inevitabile: la vittima viene portata d’urgenza in ospedale ma muore poco dopo.

Per quell’incidente, Michele Bravi sta subendo un processo per omicidio stradale che non si è ancora concluso. A inizio 2020, il cantante ha chiesto di patteggiare una pena di un anno e sei mesi.

Michele Bravi oggi dopo l’incidente

Dopo quel drammatico episodio, il giovane artista scrisse una lettere ai familiari della donna morta nello scontro. E per la prima volta, da quel terribile incidente, Michele Bravi tornò in pubblico a parlarne a Verissimo nel gennaio scorso.

“Quando vivi un trauma cambia il tuo corpo e il modo di vedere le cose. Non riuscivo a sentire gli altri. Ero semplicemente da un’altra parte, avevo perso aderenza con il reale. Abituarsi all’assenza di suono per me, che ho sempre raccontato quello che vivevo attraverso la musica, è stato molto difficileraccontò a Silvia Toffanin.

Il cantante ha anche rivelato di aver chiesto a aiuto per superare l’accaduto: “Quando succede qualcosa di così traumatico non si può pensare di uscirne da soli. L’amore non basta. Serve un percorso terapeutico e farsi aiutare per trovare il coraggio di affrontare la situazione con uno specialista. Ho seguito un metodo clinico per il trattamento dei grandi traumi – l’EMDR – che mi ha salvato e mi ha fatto tornare a parlare e a sentire”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close