Messico, Amensty: “Le 5 cose che Papa Francesco dovrebbe sapere”

Papa Francesco

(Comunicato Stampa) – Alla vigilia della visita di stato di Papa Francesco in Messico, prevista tra il 12 e il 18 febbraio, Amnesty International ha dichiarato che il paese sta affrontando una crisi dei diritti umani di dimensioni epidemiche, di cui sparizioni, torture e brutali omicidi costituiscono il tratto dominante.

“Non appena arriverà a Città del Messico, papa Francesco si troverà faccia a faccia con una delle più preoccupanti crisi dei diritti umani dell’intero continente americano” – ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International. 

Dalle decine di migliaia di persone scomparse al massiccio uso della tortura, dal crescente numero di omicidi di donne alla profonda incapacità di svolgere indagini, le violazioni dei diritti umani sono diventate un fatto abituale in Messico” – ha aggiunto Guevara-Rosas.

“Sollecitiamo papa Francesco a usare la sua grande influenza per convincere il presidente Peña Nieto a prendere sul serio questa terribile crisi dei diritti umani, assicurando alla giustizia tutti i responsabili di violazioni dei diritti umani. Solo assumendo un’azione concreta e decisiva per portare i responsabili di questi crimini di fronte alla giustizia, il governo messicano potrà cominciare a contrastare questa crisi che ha radici profonde” – ha concluso Guevara-Rosas.

Il Messico sta attraversando una drammatica crisi dei diritti umani: sparizioni, torture, scoperte di fosse comuni, omicidi di massa sono diventati parte della vita quotidiana.

Ecco le cinque cose che papa Francesco dovrebbe sapere sulla cosiddetta “guerra al crimine organizzato”, sugli scomparsi, sui pericoli per i giornalisti, sulla tortura e sulla giustizia, mentre si accinge a compiere la sua prima visita nel paese centro-americano:

  1. Migliaia di persone sono state uccise nel contesto della cosiddetta “guerra al crimine organizzato” ma nessuno sa esattamente quante
    Per il secondo anno di seguito, le autorità messicane non hanno pubblicato alcun dato sul numero delle persone rimaste uccise o ferite negli scontri con la polizia e l’esercito nell’ambito della mal concepita e inefficace lotta contro il crimine organizzato.2. Oltre 27.000 persone sono scomparse nell’ultimo decennio
    La tragica sparizione di 43 studenti di un istituto magistrale, nel settembre 2014, ha acceso la luce su un fenomeno, quello dei “desaparecidos”, di dimensioni epidemiche. Secondo dati ufficiali, oltre 27.000 persone risultano ancora scomparse, almeno la metà delle quali da quando nel 2012 il presidente Peña Nieto è salito al potere.

    3. Il Messico è uno dei paesi più pericolosi per i giornalisti
    Secondo l’organizzazione indipendente Reporter senza frontiere, il Messico è uno dei paesi più pericolosi del mondo per i giornalisti, almeno nell’emisfero occidentale. In tutto il paese, i giornalisti sono regolarmente minacciati, attaccati e anche assassinati. Nel 2015, tre di loro sono stati uccisi a causa del loro lavoro.

    4. La tortura è sempre più diffusa
    In Messico la tortura e gli altri maltrattamenti sono fuori controllo. Secondo la procura federale, tra il 2013 e il 2014 il numero delle denunce a livello federale è raddoppiato, passando da 1165 a 2403. I casi indagati sono pochissimi.

    5. La giustizia è talmente rara da risultare quasi un concetto sconosciuto
    Da decenni, il sistema giudiziario messicano si rivela profondamente incapace di indagare sulle decine di migliaia di denunce di violazioni dei diritti umani provenienti da ogni angolo del paese. Delle migliaia di denunce di tortura registrate tra il 2005 e il 2013, i tribunali federali si sono occupati solo di 123 casi e solo in sette di questi hanno pronunciato condanne.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close