Il Diavolo veste Prada, 5 cose che forse non sai sul film

il diavolo veste prada trama cast curiosità

Desiderosi di fare un tuffo nel sofisticato e affascinante mondo dell’alta moda? Lunedì 18 maggio Canale 5 ve ne offre la possibilità trasmettendo Il Diavolo veste Prada, una commedia brillante del 2006 che risulta ancora attualissima. E sempre divertente. Chissà quante volte l’avrete visto e rivisto: ma sapete proprio tutto su questo film campione di incassi?

Il Diavolo veste Prada, la trama

La protagonista della pellicola diretta da David Frankel è Andrea Sachs, una giovane fresca di laurea che arriva a New York per cercare lavoro. Andy, è una ragazza semplice, senza troppi grilli per la testa, innamorata del suo ragazzo Nate, che bada più alla sostanza che alla forma.

Quando trova lavoro come assistente di Miranda Piestly, l’influente e dispotica direttrice della rivista di moda Runway, si sente un pesce fuor d’acqua. Ma resiste.

Si adegua alle strane abitudini del suo capo che la fa correre da una parte all’altra e cambia persino modo di vestire per uniformarsi all’ambiente modaiolo in cui è entrata a far parte. Una trasformazione che la porterà ad allontanarsi dal ragazzo e dagli amici. Per quanto potrà resistere?

Il Diavolo veste Prada, cast e curiosità

Nel cast de Il Diavolo veste Prada troviamo delle vere e proprie star hollywoodiane, a partire dalla straordinaria Meryl Strepp nei panni della tirannica Miranda. La sua performance nel film le ha fatto guadagnare una nomination come migliore attrice protagonisti ai premi Oscar del 2007. Il ruolo di Andrea è stato affidato a Anne Hathaway, che ha fatto di tutto per ottenere la parte. Nel film recitano anche Emily Blunt, Stanley Tucci e Adrian Grenier. Ora 5 curiosità che forse non sapete.

 

  1. L’adattamento cinematografico e il cameo. È noto che il film sia stato tratto dall’omonimo romanzo di Lauren Weisberg, per anni assistente della direttrice di Vogue, Anna Wintour. Non tutti sanno però che l’autrice del romanzo compare nel film: è la tata delle figlie gemelle di Miaranda e la vediamo nella scena del treno.
  2. Il maglione ceruleo. Chi non ricorda il castigato maglione blu di Andrea criticato da Miranda? La temibile donna prendere spunto da quel “maglioncino azzurro infeltrito” per spiegare con sarcasmo l’importanza delle tonalità. “Non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis, è effettivamente ceruleo” le dice con un certo disprezzo. La sceneggiatrice del film, successivamente, ha rivelato che al posto del maglione si era pensato di inserire una gonna scozzese: avrebbe avuto lo stesso effetto?
  3. Il diktat. Quando si seppe che era in lavorazione il film e che la protagonista ‘assomigliava’ ad Anna Wintour, pare che la direttrice di Vogue consiglio a stilisti e operatori del settore a non partecipare alle riprese altrimenti li avrebbe bannati dalla sua importantissima rivista. Pare abbiano obbedito tutti, tranne il grande e italianissimo valentino che ha un cameo nella pellicola. Piccola parte anche per la modella Gisele Bündchen, che appare come una delle collega di Andrea.
  4. Le riprese. Il film è stato girato essenzialmente a New York, ma alcune scene sono state girate anche a Parigi, dove Miranda e Andrea si recano per la settimana della monda. La troupe ha lavorato molto intensamente riuscendo a terminare tutto il girato in soli 57 giorni.
  5. Sequel. Nel 2013, Lauren Weisberg ha sfornato il secondo capitolo della storia, pubblicando il libro Revenge Wears Prada. A Hollywood però pare che non ci sia alcuna intenzione di riportare sul grande schermo un sequel del film: Meryl Streep non sarebbe interessata, mentre Anne Hathaway si farebbe tentare da una eventuale proposta.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close