“Esempi, non parole”

PALERMO – La memoria di Paolo Borsellino e della sua scorta, a 24 anni dalla strage (era il 19 luglio del 1992), continuano ad essere mantenute vive anche quest’anno da parecchie iniziative cittadine. Il primo evento in programma è avvenuto già ieri pomeriggio con una preghiera interreligiosa svoltasi presso la “Casa di Paolo” il centro di aggregazione e formazione realizzato dal fratello Salvatore Borsellino. Presente per l’occasione il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che ha donato una copia della Torah, una del Corano e una dell’Itinerarium Rosaliae.

A 24 anni dalla strage di Via D’Amelio “Esempi non parole” sarà il tema principale che caratterizzerà  tutte le altre iniziative, molte delle quali promosse dal centro studi Paolo Borsellino.
Il Centro Studi Paolo Borsellino oggi, infatti, dalle 18 alle 20 sotto l’Albero della Pace di via D’Amelio svolgerà la manifestazione “Parole e musica in ricordo di Paolo, Agostino, Claudio, Emanuela, Walter, Vincenzo”. Introduce e coordina Emanuele Villa, membro del Centro studi “Paolo Borsellino”. Nella prima sessione dell’iniziativa verrà messo in scena una parte dello spettacolo teatrale “In mio onore” di Elisa Parrinello con la compagnia teatrale di Folleria.

Nella seconda sessione, letture e testimonianze saranno alternate dagli interventi musicali del sassofonista Nicola Alesini e da Vito Parrinello, musicista e direttore artistico del teatro Ditirammu; l’attore Renato Scarpa leggerà un testo introduttivo su Madre Terra, composto dagli studenti del liceo artistico Catalano di Palermo; l’attrice Stefania Blandeburgo leggerà il messaggio che Hebe de Bonafini, leader delle Madres de Plaza de Mayo, ha inviato da Buenos Aires a Rita Borsellino; Anna Puglisi, fondatrice del Centro siciliano di documentazione “Giuseppe Impastato”, nell’anno in cui Felicia Impastato, la madre di Peppino Impastato, avrebbe compiuto cento anni, restituirà un ricordo del coraggio e della perseveranza di mamma Felicia Impastato per ottenere giustizia.

A seguire l’attrice Costanza Licata leggerà al pubblico la poesia dialettale “La matri di Pippinu” scritta da Umberto Santino; Alice e Davide Grassi (figli di Pina e Libero Grassi), restituiranno il ricordo della loro cara mamma Pina Maisano Grassi; Salvo Piparo e Costanza Licata interpreteranno l’orazione a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino di Salvo Licata in cui Palermo è madre. Concluderà il pomeriggio la testimonianza di Rita Borsellino, sorella del giudice Borsellino e presidente del Centro studi a lui intitolato. A partire dalle 21.30 “Madre”, la 18esima veglia di preghiera in stile rover, voluta dalla signora Maria Pia Lepanto, madre di Paolo Borsellino, organizzata dai gruppi Agesci Monrealese, Conca d’Oro ed Eleuterio.
Alle 22 in via d’Amelio, il Centro studi Paolo Borsellino aderisce e promuove insieme alla Cgil Sicilia la proiezione del film “Era d’estate” della regista Fiorella Infascelli, dedicato ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Il 19 luglio si proseguirà, dalle 9 alle 12.30, con “Coloriamo via D’Amelio: Il 19 luglio per i cittadini di domani”: laboratori di animazione, giochi e letture rivolti ai bambini dei quartieri di Palermo e Monreale, organizzati in collaborazione con la cooperativa sociale “Rigenerazioni Onlus” e le associazioni “San Giovanni Apostolo”, Santa Chiara, Laboratorio Zen Insieme, Il Quartiere di Monreale. Al termine dei laboratori verrà offerta una merenda con i biscotti “Cotti in fragranza”, un prodotto promosso e sostenuto dall’istituto penale per i minorenni di Palermo, dall’opera Don Calabria, dall’associazione nazionale magistrati e dalla fondazione San Zeno.

Sempre domani alle 10 nell’aula Magna del Palazzo di Giustizia di Palermo si terrà il convegno “Nel ricordo di Paolo Borsellino” promosso dall’associazione nazionale magistrati e dalla commissione nazionale antimafia in visita a Palermo e Trapani. Alle 13 la delegazione antimafia sarà in via D’Amelio per deporre una corona in memoria di Paolo Borsellino, Agostino Catalano Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Sempre il 19 luglio, alle 19 al Teatro antico di Segesta (Tp) si svolgerà lo spettacolo “Giovanni e Paolo – Aldilà di Falcone e Borsellino”, iniziativa aperta al pubblico, con ingresso libero. L’accesso al Teatro sarà garantito da un servizio navetta gratuito dall’ingresso del Parco Archeologico (dalle 17 alle 18,40). La manifestazione è promossa dall’associazione nazionale magistrati, d’intesa con la sezione distrettuale dell’Anm di Palermo e le sottosezioni di Trapani e Marsala, e dalla commissione parlamentare antimafia. La piece, scritta dal giudice Alessandra Camassa, è interpretata da Gaspare Balsamo, Dario Garofalo (che ne cura la regia) e Giusy Zaccagnini.

Martedì sera si svolgerà infine la tradizionale fiaccolata promossa dalle sigle “Comunità ’92” e “Forum XIX Luglio” cartello che raggruppa trasversalmente oltre quaranta tra associazioni e movimenti. Il concentramento è previsto per le ore 20:00 a piazza Vittorio Veneto. La Fiaccolata attraverserà via Libertà, via Autonomia Siciliana arriverà in via D’Amelio dove verrà deposto un tricolore e intonato l’inno nazionale. Come ogni anno sarà un corteo silenzioso e senza comizi finali, nel rispetto della sobrietà che contraddistinse in vita Paolo Borsellino. (Agenzia Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close