Dal Gambia a Palermo, vince la leucemia grazie al trapianto: la storia di Mamadou

Foto Agenzia Redattore Sociale

PALERMOLa traversata su un barcone come tanti altri suoi connazionali per cercare una vita migliore e poi la scoperta di avere una grave forma di leucemia. E’ la storia del giovane gambiano di 19 anni Mamadou Jallow, arrivato a Palermo nel maggio del 2015. Ad agosto la diagnosi e l’inizio della ricerca di un donatore di midollo osseo per il trapianto. La sua ancora di salvezza è stato il centro trapianti midollo osseo dell’Azienda Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello, unità operativa interdipartimentale coordinata dalla dottoressa Rosanna Scimè. Oggi Mamadou sta bene e può pensare al suo futuro. 

A donare il midollo osseo è stato il fratello più piccolo, Abdouile, di 16 anni, che vive in Gambia. Grazie all’intervento della struttura che ospita Mamadou, Gap Nuovi Orizzonti e all’associazione “Moltivolti capovolti” che ha lanciato un appello tramite Facebook, è stata avviata  una campagna di raccolta fondi per pagare il viaggio verso Palermo al giovane. L’8 luglio scorso Mamadou è stato  sottoposto a trapianto. Poi è iniziata la delicata convalescenza. Oggi, a quattro mesi dall’intervento Mamadou sta bene, ma per almeno due anni dovrà rimanere a Palermo per essere costantemente monitorato, così come prevedono i protocolli.

“Si è trattato di un trapianto fra i più delicati che abbiamo finora affrontato – sottolinea la dottoressa Scimè -. Il donatore non si trovava e le difficoltà sono state tante. Il ragazzo ha mostrato grande fiducia e temperamento e alla fine, grazie al contributo di tanti, il percorso si è completato”. Ora Mamadou è ospite della comunità per migranti Gap Nuovi Orizzonti a Palermo, dove studia l’italiano e sogna di diventare mediatore culturale. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close