Coronavirus, in Italia cancellati 40 mila eventi delle Pro Loco

fisarmonica

Il coronavirus ha spazzato via fra “i 30 e i 40mila eventi organizzati dalle Pro Loco in Italia”, a partire dal Carnevale fino alle tipiche sagre estive, colpendo una rete di 6.300 associazioni locali che senza il sostegno economico del governo avranno grandi difficolta’ a riorganizzare un programma di iniziative di promozione e valorizzazione dei territori, perche’ “sara’ impossibile autofinanziarsi dal momento che si potra’ accogliere un quarto dei visitatori, ci saranno meno sponsor e piu’ costi di organizzazione e di sicurezza sanitaria”. Lo dice all’agenzia Dire il presidente Unpli, Antonino La Spina, assicurando che l’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia sta preparando una proposta da indirizzare al ministro dei Beni e delle Attivita’ culturali e del Turismo, Dario Franceschini e al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, “perche’ si sostenga il grande mondo delle Pro Loco che ha un peso economico e sociale notevole e da cui dipende la sopravvivenza di centri piccoli medi e grandi”.

La Spina ha scritto a Franceschini all’inizio del lockdown, il tema era legato alle cancellazioni. Da quel momento “le nostre associazioni- spiega il presidente- non si sono sottratte all’impegno civico che le contraddistingue, pensando sempre in positivo per il futuro e mettendosi a disposizione della propria popolazione con un sostegno di centinaia di migliaia di euro raccolti con campagne in tante regioni. Molti si sono dedicati a donazioni, distribuzioni di mascherine e consegne a domicilio. E sono stati creati numerosi eventi social per coinvolgere bambini e famiglie”.

Ora pero’ e’ arrivato il momento di ripartire, anche perche’ i borghi della Penisola possono orientare gli spostamenti per le vacanze in un’estate senza viaggi all’estero. “In questo momento- sostiene La Spina- stiamo ragionando a una proposta da inviare al governo, un pacchetto di aiuti in forma diretta per i territori e indiretta per noi, che dobbiamo riuscire ad attivarci. I borghi- aggiunge il presidente- devono diventare sempre piu’ accoglienti, quindi c’e’ la necessita’ di sostenere le nostre iniziative, sostenere un rilancio e gli aspetti collaterali alla nostra attivita’ giornaliera. Se vogliamo parlare di ripartenza– conclude- lo dobbiamo fare con atti concreti. Senno’ rimaniamo a discutere coi miliardi che volano ma le iniziative che rimangono ferme. L’estate e’ alle porte e le iniziative devono essere attivate il prima possibile”. (Agenzia Dire)

Foto di Anja da Pixabay

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close