Come ci si arruola nell’Isis

isis

MILANOL’estremismo islamico che affascina alcuni giovani europei “non è una questione esterna, legata alla Siria o alla situazione internazionale”, è invece “un problema nostro, dobbiamo innanzitutto capire come la nostra società ha creato le condizioni del perché i ragazzi sono attratti dalla radicalizzazione“. Olivier Vanderhaeghen è il funzionario che lavora nel Centro antiradicalizzazione di Molenbeek, comune alle porte di Bruxelles, da cui sono partiti alcuni degli attentatori di Parigi e parecchi foreign fighter per la Siria. Lo ha intervistato Paolo Riva per Scarp de’ Tenis, mensile di strada promosso da Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana, sul numero di febbraio. “La religione – spiega Vanderhaeghen – è un elemento che arriva in un secondo momento. Quello su cui davvero fanno leva i reclutatori è l’identità. Propongono a dei ragazzi che si sentono inutili un riconoscimento e uno scopo: la jihad”.

Nel reportage da Molenbeek, dal titolo “Viaggio nella “fabbrica di jihadisti'”, viene spiegato come un giovane arriva ad arruolarsi nelle fila dello Stato Islamico. “Per prima cosa, si rompono i legami con gli amici, con la scuola, con lo sport e con tutte le altre reti di relazione – racconta Vanderhaeghen -. Poi ci si ritira in casa, abbandonando lo spazio pubblico. Infine, c’è la rottura con la famiglia. I ragazzi radicalizzati si rinchiudono nelle loro stanze, stanno ore di fronte al pc leggendo su internet testi di fanatismo religioso e accusano padri e madri di non essere dei buoni genitori e, se lo sono, di non essere dei buoni musulmani. Dicono che il vero Islam è quello che hanno conosciuto e non quello che praticano i loro parenti”. Molte mamme si rivolgono al Centro anti-radicalizzazione per chiedere aiuto e in alcuni casi il giovane non parte. Ma il lavoro degli operatori sociali che seguono queste famiglie è solo all’inizio. Perché bisogna offrire ai loro figli un’alternativa.

Tra gli altri servizi di Scarp de’ tenis di febbraio, tutti i dati della seconda indagine sulle persone senza dimora che vivono in Italia, un’intervista a Caparezza e la storia di Marco, ballerino in sedia a rotelle. (Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close