Bruxelles, Saviano su Facebook: “Unica soluzione è accogliere”

Roberto Saviano

CROTONE – “Voglio correre il rischio di essere impopolare. Voglio che sfoghiate qui, su questa pagina, paura e frustrazioni. Ma dopo, vorrei che vi fermaste a ragionare”. Così lo scrittore Roberto Saviano sulla sua pagina Facebook dopo gli attenti di Bruxelles di questa mattina che hanno causato 34 morti e almeno 130 feriti. “Guardate i video e le immagini degli attentati di oggi a Bruxelles  – continua Saviano – Vedrete persone come voi e come me che corrono o stanno rannicchiate in un angolo. In preda al terrore. Quello stesso terrore che stiamo provando nelle nostre case, aspettando che arrivi il nostro turno. Possiamo stare così, in attesa. Possiamo guardare tutto con quel senso di ineluttabilità e impotenza che toglie speranza e finanche il respiro. O possiamo reagire non cedendo alla paura, non ascoltando chi ci dirà che siamo stati invasi e per questo vulnerabili. Poi – scrive ancora Saviano – dopo aver guardato le immagini dell’orrore odierno, guardate il video che ho postato. È l’album di una piccola disegnatrice che si trova nel campo di Idomeni. Lo ha mostrato in televisione Gazebo domenica scorsa. Questi disegni ci indicano la soluzione: accogliere. Accogliere i profughi che arrivano da lontano per sfuggire a chi sta terrorizzando anche noi. Rendere legale la loro presenza in Europa, facilitare la loro integrazione. Solo insieme a loro, uniti, ci sentiremo forti. Solo se l’Europa, compatta, non cede a ricatti. Solo se l’Europa, compatta, non scende a patti con dittatori per nuovi lager. Non abbiamo scelta – conclude – dobbiamo essere uniti contro questa bestia che l’Occidente ha tollerato a lungo e che ora è pronta a sbranare la mano stessa che l’ha nutrita: la nostra”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close