(VIDEO) Crotone ricorda Dodò vittima innocente di mafia

CROTONE – Probabilmente ha ragione il collega Bruno Palermo: quella di ieri è stata la più grande manifestazione antimafia realizzata a Crotone. L’hanno organizzata Libera e l’associazione Domenico Gabriele per ricordare, come ogni anno nel giorno del suo compleanno, il piccolo Dodò, ferito a morte mentre giocava a calcetto nell’estate del 2009. Ucciso per errore a 11 anni, durante un agguato mafioso.

Ieri, Dodò ha compiuto 18 anni e per festeggiare all’insegna della giustizia e della legalità, a Crotone sono giunte oltre tremila persone da ogni parte della Calabria e di Italia. Scolaresche, famiglie, sindaci. Hanno sfilato per il centro cittadino e si sono ritrovati in Piazza della Resistenza.

Oltre a Dodò, sono stati ricordati anche gli altri 107 bambini uccisi dalle mafie in Italia e altre vittime della barbarie mafiosa.

Toccante la lettera scritta da Francesca Gabriele, madre del piccolo Domenico, letta dalla giornalista Francesca Travierso.

Presente, tra gli altri, don Luigi Ciotti, fondatore di Libera. “Il problema più grande non è solo chi fa il male ma quanti guardano e lasciano fare” ha detto ai partecipanti esortandoli ad abbattere il muro dell’omertà.

testo e video di Francesca Caiazzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close