(VIDEO) Aleppo, l’evacuazione dei feriti

Le immagini nel video sono state girate oggi dai giornalisti di Aleppo Media Center

Colpi d’arma da fuoco hanno raggiunto il primo convoglio che stava lasciando le zone orientali di Aleppo : lo riferisce la tv satellitare al-Jazeera che riporta le ultime notizie in arrivo dalla città e fornisce un bilancio di almeno un morto e feriti.

Su Twitter la Syria Civil Defence, il corpo dei volontari dei ‘caschi bianchi’, scrive che – durante le operazioni per preparare la strada per l’evacuazione con le ambulanze da Aleppo – un volontario è stato raggiunto da colpi d’arma da fuoco sparati da un “cecchino del regime”. La notizia viene riportata anche dalla Rete siriana per i diritti umani e dall’agenzia di stampa ufficiale turca Anadolu.

Intanto non è più bloccato il convoglio di ambulanze con i feriti che devono essere trasferiti da Aleppo Est: i mezzi hanno iniziato a lasciare la zona del posto di blocco governativo di al-Ramouseh per dirigersi verso il Rif occidentale di Aleppo. Lo riferisce la tv satellitare al-Jazeera.

E’ iniziato in mattinata il trasferimento delle persone che hanno bisogno di cure mediche, rimaste intrappolate nelle zone in mano ai ribelli. ‘Al-Jazeera’ ha spiegato che si prevede che le operazioni durino due o tre giorni. Saranno trasferiti circa quattromila ribelli con le loro famiglie: lo ha annunciato la tv di Stato siriana. (AdnKronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close