“Valentin, figlio d’Europa”: il regista calabrese Antonio Martino avvia campagna di crowfounding per realizzare documentario

Antonio Martino nasce 40 anni fa a Isola di Capo Rizzuto, in Calabria. Laureato al Dams di Bologna, è co-fondatore della società di produzione Bo Film. Regista e produttore, ha all’attivo 7 documentari  – girati tra Serbia, Turchia, Romani, Bosnia, Uzbekistan, Italia – che hanno ottenuti diversi riconoscimenti. Il lavoro più recente, The Black Sheep, è stato girato in Libia e nel novembre 2016 si è aggiudicato due premi  – Premio Miglior Regia e Premio del Pubblico – al Documentaria Noto Festival

CROTONE – Antonio Martino e Valentin si sono incontrati, per caso, 11 anni fa. Era una calda giornata estiva a Bologna e il videomaker calabrese si imbatte in un gruppo di ragazzini in uno dei giardini della città. Sono tutti rumeni, gli raccontano la loro storia e Antonio decide di utilizzare i soldi messi da parte con un lavoro saltuario per girare il suo primo documentario. Va in Romania e racconta la storia di Valentin, che a 13 anni viveva in una stazione ferroviaria dopo essere scappato dall’orfanotrofio dove la madre lo aveva abbandonato quando di anni ne aveva solo 9. Nasce così “Gara de Nord_copii pe strada”, che nel 2007 si aggiudica anche il prestigioso Premio Ilaria Alpi.

Pochi giorni fa grazie a Facebook, Antonio e Valentin si sono incontrati di nuovo, virtualmente. Quel ragazzo rumeno ora ha 24 anni e vive in Belgio. La madre lo ha contatto e vuole rivederlo. Antonio ha deciso di partire e accompagnarlo in Romania per documentare l’incontro. “Un incontro – spiega Martino – pieno di emozione e tensione, occasione per un viaggio a ritroso nel suo passato. In Romania, a Bucarest, non c’è solo sua madre: ci sono anche i suoi fratelli, con cui è stato abbandonato in orfanotrofio da bambino; ci sono i canali, i sotterranei in cui ha vissuto per sei anni; e c’è Mosè, l’amico più grande – di poco – con cui ha condiviso quella vita, e da cui più di una volta è stato protetto. Abbiamo fissato la partenza per metà febbraio. Le riprese – conclude – dureranno due mesi. Il montaggio e la post-produzione altri due”.

Per realizzare il documentario – Valentin, figlio d’Europa è il titolo – servono almeno 10mila euro. Così Martino ha lanciato una campagna di crowfounding alla quale si può contribuire a con un minimo di 3 euro. “Chi produce documentari sa benissimo il budget stabilito è una cifra molto bassa, ma ce la faremo bastare” assicura Martino, che aggiunge: “mi impegno personalmente a devolvere parte del budget a un’associazione che si occupa di infanzia, che sarà scelta con cura.”

CLICCA QUI PER SOSTENERE IL PROGETTO

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close