Terremoto Afghanistan, MSF invia staff medico e logistico

mappa di Medici Senza Frontiere

In Afghanistan, Medici Senza Frontiere (MSF) ha inviato staff medico e logistico nelle provincie di Khost e Paktika, le aree più colpite dal terremoto, dove si stimano centinaia di vittime, oltre mille feriti, case danneggiate e distrutte.

A Bermal, nella provincia di Paktika, MSF ha allestito una clinica da 8 posti letto, attiva 24 ore su 24, dove i pazienti vengono stabilizzati prima di essere trasferiti in altre strutture. Team MSF stanno inoltre supportando le attività ambulatoriali e uno psicologo ha iniziato a prestare primo soccorso per la salute mentale ai sopravvissuti. Per incrementare ulteriormente il team, da Khost è partito del personale chirurgico insieme ad un’ostetrica.

MSF ha inoltre donato forniture mediche e tende alle strutture sanitarie a Gayan e Bermal, mentre team specializzati sono in azione per assicurare acqua pulita e servizi igienico-sanitari adeguati alla popolazione e agli ospedali.

 

I primi giorni dopo un terremoto, le lesioni traumatiche, come fratture o ferite, sono la preoccupazione maggiore, ma ora le principali criticità sono legate a disidratazione e dissenteria causate dalla mancanza di acqua potabile” dichiara José Mas, coordinatore d’emergenza di MSF. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close