Siria, strage ad Azaz: autobomba al mercato, almeno 60 morti

ROMA – Almeno 60 morti, oltre 50 feriti, molti dei quali in gravissime condizioni. Sarebbe questo, secondo l’emittente araba Al Arabiya, il bilancio dell’esplosione avvenuta questa mattina a A’zaz city, città del nord della Siria, distante soli 7 km dal confine con la Turchia.

Secondo quanto riportano media locali, questa mattina un camion cisterna è esploso nel centro dell’affollato mercato locale, vicino al tribunale islamico della città. Secondo l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, le maggior parte delle vittime sarebbero civili, ma avrebbero perso la vita anche numerosi ribelli del Free Syrian Army. Ancora nessuna rivendicazione è stata fatta per l’attentato, ma l’agenzia di stampa turca Anadolou indica l’Isis come possibile mandante della strage.

A’zaz è una città nel nord della Siria liberata dai ribelli sostenuti dalla Turchia. Nelle scorse settimane, molti civili fuggiti dall’assedio di Aleppo vi si sarebbero rifugiati e questo è solo l’ultimo di una catena di attentati che ha insanguinato la città: a novembre, infatti, 25 persone erano morte nell’esplosione di un’altra autobomba. (DIRE)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close