Roma, tre pappagalli sequestrati dalle guardie zoofile Oipa

Tre pappagalli costretti a vivere in una situazione di degrado e senza documentazione sono stati sequestrati in un’attività commerciale dei Castelli Romani dalle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Roma e provincia. Il proprietario è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione in condizioni incompatibili con la natura degli animali e per detenzione illegale di specie protette dalla Convenzione di Washington, la Convenzione Cites, reati per i quali è previsto l’arresto fino a un anno e un’ammenda fino a 200 mila euro, oltre alla confisca degli animali.«I tre uccelli, un Amazona amazonica, un Amazona aestiva e un Parrocchetto monaco, specie protette, erano detenuti in piccole gabbie molto sporche e di dimensioni molto al di sotto di quanto previsto dalla legge, e avevano a disposizione pochi semi sul fondo della gabbia inevitabilmente mescolati alle loro deiezioni», spiega Claudio Locuratolo, coordinatore delle guardie zoofile dell’Oipa capitolina. «Abbiamo trasferito i tre uccelli in strutture di ricovero della fauna selvatica: il Parrocchetto monaco è stato affidato al Centro recupero fauna selvatica di Roma, mentre gli Amazzoni sono ospitati dall’associazione Vita da Pappagalli Odv».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close