Rifugiati, caos Europa

profughi lombardia

ROMA – Ancora vittime nei viaggi verso l’Europa: 24 morti negli ultimi due naufragi nell’Egeo, tra loro dieci bambini. In Svezia previsti rimpatri per 80 mila richiedenti asilo. Il Regno Unito non farà entrare i minori non accompagnati se sono transitati per un altro Paese europeo. L’Olanda annuncia treni per rimandare in Turchia i rifugiati in eccesso. La Danimarca ieri ha approvato il sequestro dei beni per i richiedenti asilo. La Svizzera decide di tassare gli stipendi dei rifugiati del 10% per 10 anni. Sei paesi Ue sospendono Schengen e ripristinano controlli alle frontiere interne, oltre a Danimarca e Svezia anche Norvegia, Austria, Germania e Francia.Misure particolari, che secondo il Centro Astalli “rinnegano così l’idea su cui si fonda l’Unione Europea”.

E proprio il Centro Astalli esprime “seria preoccupazione per la reazione scomposta e securitaria che molti paesi europei stanno adottando per far fronte in modo arbitrario e deleterio al flusso migratorio di queste settimane”.
“Respingimenti, chiusura delle frontiere, traffico di essere umani – precisa l’associazione – rappresentano violazioni gravissime di trattati e di convenzioni in vigore nell’UE e nei singoli Stati”.

“Non c’è più alcuna forma di governo del fenomeno a livello europeo. Oggi constatiamo che l’Unione europea, non è in grado di imporre nulla agli Stati e allora perché continuare a tenere in vita convenzioni come quella di Dublino? – commenta il presidente del Centro Astalli, padre Camillo Ripamonti -. Si stanno adottando misure gravemente irrazionali che non freneranno i flussi migratori e i cui costi economici verosimilmente saranno maggiori  di qualunque ipotetico vantaggio”.
“Tali reazioni muscolari sono il frutto dell’incapacità di gestire un fenomeno prevedibile da tempo – continua -. Non trovano fondamento in null’altro che non sia l’incapacità di far fronte comune su una situazione che, dati i numeri, sarebbe governabile. Si continua a usare la forza con i più deboli ma su questioni serie si rimane fermi e incapaci di reagire. Non si può affrontare il fenomeno delle migrazioni con provvedimenti e leggi estemporanee che si basano sul mito del consenso popolare”.

Il Centro Astalli torna a ribadire che “è urgente un approccio organico e strutturale basato su trattati e convenzioni esistenti ma che deliberatamente non trovano applicazione, come la direttiva 55/2011 sulla protezione temporanea e gli strumenti che questa prevede. Si eviterebbero così migliaia di vittime dei viaggi e un allarmante aumento di razzismo e xenofobia da parte della società civile”.
Conclude Ripamonti: “La Convenzione di Ginevra per i rifugiati è nata dalle macerie della seconda guerra mondiale, dall’abominio dei campi di sterminio, dall’idea che l’umanità non avrebbe mai rivissuto l’orrore. Stiamo commettendo gli stessi errori”.

Oxfam: “Non togliere ai migranti la dignità”. “Togliere ai rifugiati denaro e oggetti personali significa privare persone che hanno attraversato drammi inimmaginabili del poco che gli rimane, minandone la dignità”. E’ quanto dichiara Alessandro Bechini, direttore dei programmi in Italia di Oxfam,commentando l’approvazione ieri, da parte del governo danese, di un progetto di legge che prevede la confisca ai migranti di denaro e oggetti di valore per pagare le spese dell’accoglienza e un iter più complicato e lungo per il ricongiungimento familiare.
“La Danimarca confischerà i beni dei rifugiati in cambio di servizi, quelli per l’accoglienza, che devono essere loro garantiti in base al diritto internazionale umanitario – afferma Bechini -. Si tratta di un provvedimento inaccettabile, oltre che ingiusto”. (Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close