Quanto ne sappiamo sulla fame nel mondo?

fame nel mondo

fame nel mondo

MILANO – Sulla fame nel mondo siamo ignoranti ed Expo non ci ha aiutato a chiarirci le idee. Un italiano su due ammette infatti di saperne poco. È quanto emerge dall’indagine promossa dalla ong Mani Tese e realizzata insieme ad AstraRicerche sulla percezione degli italiani della fame nel Pianeta, delle sue cause e delle possibili soluzioni. Mentre i dati ufficiali stimano in circa 800 milioni il numero di persone che soffrono la fame e di più di 2 miliardi quelle in sovrappeso, il 41.5% degli italiani è convinto del contrario e il 13.1% li considera diffusi in misura sostanzialmente equivalente. Solo il 20% ha la percezione esatta di come stanno le cose. Nonostante il tema fosse “Nutrire il Pianeta”, Expo non è stato percepito come un evento che potesse aiutare a capire cause e soluzioni alla fame nel mondo. Il 33,7% ritiene che sia stata soprattutto una grande fiera per promuovere prodotti, marche e aziende. Il 29,6% che sia stato un momento di informazione sulle produzioni alimentari nei diversi Paesi. “Mancava un sondaggio che valutasse Expo2015 come grande evento di educazione dei cittadini sul diritto al cibo e di confronto sulle soluzioni da mettere in campo -commenta Valerio Bini, presidente di Mani Tese-. Ci siamo permessi di farlo noi, ponendo delle domande che finora non erano state poste e offrendo così un’altra lettura del grande evento”.

L’82,7% degli oltre mille intervistati sostiene che la fame sia causata soprattutto da un sistema economico che favorisce una parte del mondo rispetto alle altre. Le altre cause sono: le guerre e i conflitti interni ai Paesi, lo sfruttamento dei terreni senza pensare al futuro, la bassa efficacia delle tecniche produttive, degli strumenti e delle infrastrutture in molte aree del mondo. Le soluzioni? Il 63 per cento evita gli sprechi alimentari, uno su tre circa fa scelte elettorali specifiche e il 28 per cento cambia acquisti alimentari. Solo il 10 per cento degli italiani fa pressione sui rappresentanti politici e ben il 58% per cento pensa che la fame e il diritto al cibo siano affari dei player mondiali come Usa, Russia e Cina. “Ci hanno colpito: l’ignoranza del cosiddetto ‘paradosso della fame’ ovvero gli 800 milioni di persone che soffrono la fame e i 2 miliardi che sono in sovrappeso, entrambi frutto di un sistema agro-alimentare squilibrato; l’incapacità degli intervistati di distinguere tra le soluzioni proposte dall’agro-business e quelle proposte dai movimenti contadini ed ecologisti mondiali; la rinuncia dei singoli cittadini e delle loro famiglie a vedersi come agenti di cambiamento e la delega a risolvere i problemi del mondo ad alcuni Paesi forti che ne determinano le sorti. Per fortuna ci sono due buone notizie su cui lavorare: le ricette orientate esclusivamente al mercato sono considerate superate ed è largamente diffusa la convinzione che fame e malnutrizione sono causate dalla distribuzione impari della ricchezza e delle opportunità”. Ha commentato Giosuè De Salvo, Responsabile Advocacy e Campagne di Mani Tese. (Redattore Sociale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close