Ospedale Kunduz, MsF: “versione Usa lascia più domande che risposte”

ROMA – La vicenda non può essere liquidata come un errore umano. Dopo la pubblicazione delle conclusioni dell’indagine Usa sul bombardamento che il 3 ottobre scorso distrusse l’ospedale di Medici senza Frontiere a Kunduz, in Afghanistan, è arrivata la presa di posizione ufficiale di Christopher Stokes, direttore generale MSF.

“La versione degli eventi presentata dagli Stati Uniti lascia MSF con più domande che risposte – ha detto –  È sconcertante che le forze statunitensi possano sferrare un attacco senza vedere direttamente l’obiettivo, senza avere accesso a una lista di siti da non attaccare e con sistemi di comunicazione malfunzionanti. Sembra – continua Stokes – che 30 persone siano state uccise e centinaia di migliaia siano state private di cure mediche salvavita a Kunduz, semplicemente perché l’ospedale di MSF era l’edificio più grande vicino a un campo aperto e perché “corrispondeva grossomodo” alla descrizione di un obiettivo intenzionale.

Lo spaventoso catalogo degli errori presentato – dice ancora il direttore generale di MSF dimostra gravi negligenze e violazioni delle regole della guerra da parte delle forze statunitensi. La distruzione di una struttura protetta avvenuta senza verificare l’obiettivo – in questo caso un ospedale funzionante, pieno di personale medico e pazienti – non può essere liquidata come un errore umano o come un’infrazione delle regole d’ingaggio statunitensi. MSF ribadisce il proprio appello per un’investigazione indipendente e imparziale sull’attacco al nostro ospedale di Kunduz. Le investigazioni su questo incidente  – conclude – non possono essere lasciate soltanto alle parti del conflitto in Afghanistan”.

Intanto, proprio ieri, MSF, sul proprio sito web, ha voluto ricordare i 14 volontari che hanno perso la vita in seguito al bombardamento. “Tutti in MSF – è scritto nella pagina in loro memoria – partecipano al dolore delle famiglie delle vittime. Ci mancheranno molto e non li dimenticheremo mai”. Poi i nomi e le foto delle vittime

Redazione

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close