“Operazione pane e sport”, atleti in campo per la mensa dell’Antoniano

BOLOGNA – L’iniziativa si chiama “Operazione Pane e Sport”; l’obiettivo è quello di garantire, ogni giorno, un pasto alle persone in difficoltà che si rivolgono alla mensa “Padre Ernesto” dell’Antoniano di Bologna. Cibo, dunque, ma non solo: “Il pasto in mensa è il primo passo per iniziare un percorso di autonomia e dignità – spiega frate Alessandro Caspoli, direttore della onlus –Grazie alla rete dei nostri servizi sul territorio, infatti, vogliamo andare oltre all’emergenza e sostenere le persone a ricostruire il proprio futuro con progetti di inserimento sociale e lavorativo”. Un’impresa che da oggi e per tutto il 2016 vedrà al fianco della storica realtà bolognese – per festeggiare i suoi primi 70 anni – anche il comitato provinciale del Csi, con la partnership di Emil Banca.

Il Centro sportivo italiano ospiterà Antoniano nelle sue iniziative sportive, sensibilizzando il proprio pubblico e supportando l’organizzazione nella raccolta fondi a sostegno della mensa. Inoltre realizzerà anche giornate di volontariato, in cui il mondo Csi aiuterà a mettere in tavola i pasti per gli ospiti. L’invito è aperto a tutti: società, atleti, dirigenti, allenatori, atleti. “Fare squadra – spiega il presidente del Csi di Bologna, Andrea De David – è da sempre la nostra mission. La condivisione di un obiettivo, e del percorso da intraprendere per raggiungerlo, è un principio cardine da applicare nell’attività sportiva e, ancora di più, quando si scende in campo per la solidarietà e per la promozione di valori unanimemente riconosciuti”.

“Ogni gesto, grande o piccolo che sia, contribuisce in modo importante e fondamentale alla riuscita di un progetto che per noi è una sfida quotidiana – ha concluso frate Caspoli –. Ogni mattina veniamo in mensa con un obiettivo: dare un pasto e iniziare un percorso con tutte le persone che ce lo chiedono. Non sappiamo se riusciremo a raggiungerlo o meno, ma se non ci provassimo falliremmo la nostra missione di esseri umani”.
Primo passo della collaborazione, la camminata dell’8 dicembre al santuario si san Luca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close