Milano, profugo si uccide in centro accoglienza

MILANO – Era giunto a Milano qualche settimana fa. L’uomo, 28 anni, originario dell’Angola, si è tolto la vita questa notte nel centro temporaneo di accoglienza di via Fratelli Zoia che lo ospitava. “Da questa mattina all’alba gli operatori del centro, gestito dai Fratelli di San Francesco, e i responsabili del Comune stanno seguendo l’accaduto – si legge in una nota stampa di Palazzo Marino -. Il corpo è stato trovato nei bagni della struttura da alcuni ragazzi che hanno dato l’allarme avvisando il personale che pernotta nel centro. Sul posto è intervenuta una volante della Polizia di Stato per gli accertamenti del caso. La notizia del suicidio del ragazzo ha scosso profondamente tutti, operatori e ospiti che sono stati informati dallo psicologo del centro”.

“Gli operatori di via Fratelli Zoia e dei Servizi sociali del Comune esprimono grande dolore per la scomparsa di questo giovane che era giunto nella nostra città qualche settimana fa dopo un lungo viaggio e aveva appena avviato le procedure di richiesta di asilo”, conclude il comunicato stampa. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close