Legge sul “Dopo di noi”: risorse pubbliche alla residenzialità familiare

disabilità

ROMA – “L’auspicio è che si approvata entro la fine della settimana. E sarà un traguardo molto importante, perché invertirà la direzione di marcia: non più strutture con oltre 30 posti, ma un’accoglienza diffusa, in contesti che somiglino a quello familiare. Il tutto, con risorse pubbliche”: è questa la portata innovativa della legge per il Dopo di noi, attualmente in d discussione alla Camera. Ne parla a Redattore Sociale la deputata Elena Carnevali, relatrice del testo di legge, che è frutto e sintesi di sei proposte.

Accoglienza diffusa in contesto familiare. “Si è parlato tanto di questa legge, ma mi pare che le novità e gli obiettivi principali non siano stati messi a fuoco. Innanzitutto, essa invertirà una tendenza negativa tutta italiana: quella in base a cui l’asse portante delle politiche per la residenzialità è centrato, per l’80%, su strutture con più di 30 posti. Questo, peraltro, con forti disomogeneità territoriali. Con questa legge, si promuoveranno, sostenendole economicamente, esperienze che per lo più già esistono, create dal basso: dalle famiglie e dalle associazioni sopratutto, con il sostegno, in qualche raro caso, di enti locali lungimiranti”. E’ a questo, quindi, che sarà destinata gran parte del fondo destinato a questo scopo: “al sostegno di gruppi appartamento, case famiglia e contesti di mutualità, che consentano alle persone disabili di vivere in situazioni in cui abbiano già costruito relazioni amicali e affettive”.

La platea: disabii intellettivi. Anziani compresi. Una precisazione va poi fatta sulla platea dei beneficiari, altra caratteristica fondamentale e innovativa della legge: “la scelta è di occuparsi della disabilità intellettiva, su cui in Italia esiste un grande gap. E rispetto alla quale, ci dicono le associazioni, la domiciliarità non è sempre la risposta adeguata. Ci sono emendamenti che chiedono di includere nella legge il tema della vita indipendente. Ma voglio ricordare che la legge Turco naufragò in commissione Bilancio: è quindi scelta responsabile tener conto della sostenibilità economica e stabilire obiettivi congrui con le risorse stanziate”. E, a proposito di platea, c’è un altro aspetto “che non è stato valorizzato, ma che ritengo della massima importanza – spiega Carnevali – la platea è quella delle persone con disabilità grave e prive di reti familiari, a prescindere dall’età”. Questo significa, in parole semplici, che arrivata a 65 anni la persona disabile non dovrà cambiare struttura, come invece accade attualmente: “raggiunta quella soglia, passa dalla categoria di disabile a quella di anziano e deve quindi entrare in un’altra linea progettuale ed eventualmente cambiare residenza. Questo, grazie alla legge, non accadrà più. Ed è una novità di grande rilievo”.

Sussidiarietà, corresponsabilità e Liveas. Ci sono poi due pilastri della legge, che la deputata tiene a sottolineare: “la sussidiarietà orizzontale (associazioni, cooperative, fondazioni) e la corresponsabilità verticale delle istituzioni (Stato, Regioni, enti locali): contrariamente a quanto qualcuno cerca di far passare, è la ‘gamba’ pubblica la parte prevalente della legge. Finora invece la responsabilità è gravata prevalentemente sulle spalle delle famiglie”. Altro obiettivo centrale della legge è quindi “rendere il dopo di noi un diritto esigibile, ovvero inserirlo nei Livelli essenziali di prestazioni assistenziali (Liveas).

Trust e polizze. Tra le altre misure introdotte dalla legge, ci sono le agevolazioni fiscali per i trust e per le polizze assicurative. “Ma ai trust – precisa Carnevali – andranno solo 10 milioni l’anno”. Più consistenti le risorse almeno teoricamente necessarie per sostenere le polizze assicurative: “per tutte le famiglie con parenti disabili gravi, l’importo relativo ai premi per le assicurazioni sul rischio di morte passerà da 530 a 750 euro”. Infine, ricorda Carnevali, “la legge prevede un forse sostegno anche “durante”, e non solo dopo di noi, attraverso programmi di accrescimento della consapevolezza, delle competenze e peri l raggiungimento dell’autonomia possibile. L’organizzazione di questi sarà ovviamente in capo dalle regioni, che gestiranno le relative risorse”.

In sintesi e inclusione, il senso e lo scopo della legge è “attivare programmi per far morire l’istituzionalizzazione, supportando la domiciliarità e i gruppi residenziali e impedendo l’isolamento delle persone: realizzando interventi innovativi e valorizzando, sostenendole economicamente, esperienze che già esistono e funzionano, grazie all’associazionismo e alle famiglie che le stanno già sperimentando”. (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close