Legacoop Calabria: “I Cie sono inutili”

Legacoop Calabria interviene nel dibattito sulla proposta di riapertura dei Cie (Centri di identificazione ed espulsione) con una nota a firma di Pino De Lucia, responsabile Politiche dell’Immigrazione, e Lorenzo Sibio, responsabile Legacoopsociali. La pubblichiamo di seguito.

Molte buone iniziative sono state avviate in questi anni per qualificare le politiche migratorie nel nostro Paese ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti, nonostante ancora molto ci sia da fare, nonostante le difficoltà che derivano anche da scelte assolutamente diverse adottate da paesi, pure appartenenti all’Unione Europea, e le spinte xenofobe di alcuni che fanno leva su antiche e nuove paure.

Oggi, anche per via degli ultimi fatti, che vendono nei fautori degli ultimi attentati, extracomunitari passati dal nostro Paese, pare si stia avviando una stagione più cupa che vede provvedimenti restrittivi e iniziative assolutamente in contrasto con la politica della buna accoglienza fin qui praticata.

Crediamo sia opportuno riflettere sulle ultime decisioni del Governo in merito ai CIE. Comprendiamo le difficoltà e le necessità che il Governo ha di garantire sicurezza e protezione ai cittadini, temiamo che le ultime scelte possano produrre effetti assolutamente contrari rispetto agli obiettivi che si prefiggono.

Il passato dei Cie ci racconta che la loro funzione è assolutamente inutile e spesso colpisce povera gente che ha perso il posto di lavoro, quindi la possibilità di ottenere un documento.

Riterremmo utile ed interessante un confronto con il Governo e con il Ministro Minniti, al quale abbiamo avuto modo di rappresentare sommariamente il nostro lavoro e le nostre proposte sul tema dei migranti, per individuare misure positive sulle politiche migratorie, in linea con quanto auspicato dal Presidente Mattarella e dal Santo Padre.

Comprendiamo la necessità di un intervento e auspichiamo misure di accompagnamento, vogliamo comprendere se c’è possibilità di aprire una stagione che contempli entrambe, nonostante il vento xenofobo che vede partecipare governi Europei, Africani e Americani.

Noi sappiamo che le persone che cercano di fuggire sono prevalentemente disperati, costretti a subire guerre, regimi dittatoriali e povertà causati dalle multinazionali e dalle politiche economiche occidentali, noi per ringraziarli non possiamo respingerli o farli morire nelle carceri in Libia.

Questo non può essere il nostro Paese, questa non può essere l’Europa.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close