Kunduz: ospedale MSF distrutto, vittime salgono a 42

kunduz ospedale msf

AFGHANISTAN – Non è stato semplice identificarli tutti. Ci sono voliti più di due mesi per avere un bilancio che potrebbe essere ancora non definitivo. Sono almeno 42 – e non 30 come si pensava in precedenza – le vittime dell’attacco aereo degli Stati Uniti che ha distrutto il centro traumatologico di Medici Senza Frotniere a Kunduz, in Afghanistan, lo scorso 3 ottobre. A perdere la vita sotto quelle bombe sganciate sull’ospedale per errore secondo la versione americana, sono stati 14 membri dello staff di MSF, 24 pazienti e quattro parenti che fornivano assistenza supplementare.

“Anche se la determinazione del numero di morti  – fa sapere MSF – è stata estremamente difficile nella confusione che regnava nella struttura dopo l’attacco, ampi sforzi sono stati intrapresi per identificare tutte le persone decedute. Parte degli archivi medici, delle cartelle dei pazienti e dei fogli di ammissione sono stati distrutti, perché si trovavano nell’edificio principale dell’ospedale che è andato a fuoco. Inoltre, ulteriori resti umani sono stati trovati tra le macerie dell’ospedale nel corso degli ultimi due mesi”.

MSF continua a chiedere una investigazione indipendente sull’accaduto e proprio pochi giorni fa ha consegnato alla Casa Bianca una petizione firmata da più di 548.000 persone.

Redazione

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close