“Isolati e sottomessi: crotonesi figli di un Dio minore”

(di Piercarlo Gentile – Direttore Centro di Radioterapia FateBeneFratelli S. Pietro di Roma) – Sin dai tempi delle conquiste romane ai popoli sottomessi era richiesto il pagamento dei tributi, tuttavia i conquistatori facevano corrispondere una serie di opere ed iniziative (strade, ponti, acquedotti, protezione militare, cultura, giustizia etc) che in parte miglioravano la vita di quei popoli.

A maggior ragione in uno Stato di Diritto, in una Società Civile basata sulla libertà e non sulla sottomissione, il “Patto di Ferro” tra lo Stato e i suoi cittadini prevede il rispetto “reciproco” di una serie di Diritti/Doveri.

 Il cittadino ha il “dovere” di corrispondere allo Stato il suo contributo sociale (Tasse) e lo Stato ha il “diritto” di riscuoterle.

 A fronte di ciò lo Stato ha il “dovere” di assicurare alcuni servizi (tra cui la sanità) e il cittadino ha il “diritto” di pretenderli.

 Là dove uno dei due soci (Stato o cittadino) rompesse il “Patto” non ottemperando ad uno dei suoi doveri, il socio penalizzato ha il diritto/dovere di pretendere il rispetto di ciò che gli spetta.

 Lo Stato infatti confisca….sequestra….ciò che gli spetta…

Ma il cittadino non può confiscare o sequestrare beni allo Stato, e non gli è consentito nemmeno sospendere il pagamento dei “tributi”, prelievo che non può essere definito in altro modo, là dove lo Stato pretende senza dare nulla in cambio.

Al cittadino è tuttavia lasciata la libertà di protestare contro l’ingiustizia sociale, contro la lesione dei propri diritti.

I Calabresi della provincia di Crotone attualmente e da tempo sono rimasti isolati, non adeguatamente rappresentati,  sono un popolo sottomesso, da cui è preteso un tributo, ma la cui voce non è più ascoltata e ciò ha permesso che la rassegnazione prendesse il sopravvento.

 Come tutti i popoli soggiogati, lentamente ed inesorabilmente scambiano come “normalità” ogni sopruso conseguente al loro stato di sottomissione, il tempo infatti cancella dalla memoria il tempo dei diritti e lascia sedimentare solo quello delle rinunce e della sconfitta.

 Il Diritto alla Salute è uguale per ogni cittadino dello Stato Italiano a qualsiasi latitudine e longitudine si trovi, è un diritto sancito dalla Costituzione.

Chiunque impedisca ad un cittadino di ottenere ciò che gli spetta di diritto, commette un “atto incostituzionale”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close