Grecia, quei profughi selezionati (e respinti) alle frontiere

Marianella Kloka ha 43 anni e vive ad Atene. Fa parte del Movimento Umanista dall’aprile del 1990 ed è stata tra i fondatori di Mondo senza Guerre e senza Violenza in Grecia. Attualmente lavora per la ong Praksis.

La ONG Praksis mi ha inviato a Idomeni per una missione di un giorno a un metro dalla frontiera della speranza. La fila di pullman pieni di gente che vuole lasciare la Grecia aspetta paziente alla stazione di servizio a pochi chilometri dal campo profughi. Gli agenti di polizia permettono solo a due bus alla volta di raggiungere il campo, in modo da controllare il flusso. Vedo intorno a me molte famiglie con bambini, la maggior parte molto piccoli; portano berretti e guanti, ma la caratteristica principale è il loro sorriso, soprattutto quando gli offri del cioccolato.

Nel breve tratto fino alla frontiera mi rendo conto della loro ansia e fatica, ma anche della speranza. I volontari delle ONG nei campi profughi forniscono sacchi a pelo e vestiti, offrono cibo, acqua e succo di frutta fuori dai campi temporanei e chiedono se c’è bisogno di medicine o di servizi medici.  Lavorano 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, facendo turni. I rapporti tra loro sono armoniosi.

Man mano che le persone avanzano, ottengono ciò che gli serve e poi vengono indirizzate verso la grande tenda dell’Organizzazione Internazionale delle migrazioni (IOM), dove devono mostrare i documenti e dire da dove vengono. Se i documenti vengono accettati dalla polizia di frontiera passano, altrimenti vengono respinti. L’unica cosa che conta sono i documenti. Gli agenti spiegano che puoi passare se vieni dalla Siria, o magari dall’Afghanistan o dall’Iraq, ma ti rimandano indietro se vieni da qualsiasi altro paese, compresa la Palestina. Ti respingono perfino se hai dei bambini piccoli, se tieni in braccio un neonato o sei incinta. L’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati viene coinvolto nel caso di situazioni di emergenza o controverse. In questi casi si torna a sperare, ma non sempre l’esito è positivo.

Un iraniano disperato, che evidentemente è arrivato al limite, cerca di saltare al di sopra della recinzione e resta ferito. Un’ambulanza lo porta all’ospedale più vicino. Alcuni ragazzi marocchini mormorano “Male, male”. Altri parlano al cellulare con parenti che sono riusciti a passare e gli chiedono come hanno fatto, visto che loro sono stati rimandati indietro. Ma indietro dove? Nei loro paesi? Nella guerra e nella povertà? “Ma è proprio quello da cui stiamo cercando di scappare, non lo capite? Lo abbiamo anche scritto nelle tende dell’organizzazione, cercando di farvelo capire: bruciate i confini, non il carbone”.

Le autorità spiegano che un conto è essere un profugo, un altro un migrante economico. Un conto è arrivare dalla Siria, un altro dalla Palestina. Che razza di criteri sono questi? La nostra civiltà chiude le frontiere e le apre solo a certe condizioni. Penso che queste condizioni debbano essere riviste. Subito. (Pressenza)

di Marianella Kloka

traduzione dall’inglese di Anna Pola per Pressenza

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close