Giorgio Pasotti: carriera e vita privata

giorgio pasotti, carriera, vita privata

Teatro, cinema e TV: Giorgio Pasotti è uno degli attori più promettenti del cinema italiano con alle spalle esperienze di grande successo.

Giorgio Pasotti: carriera

Giorgio Pasotti esordisce nel 1998 con I piccoli maestri e con Ecco fatto, quest’ultimo opera prima del regista Gabriele Muccino. La fama e l’affetto del grande pubblico, però, arrivano nel 2002 quando recita nella serie televisiva Distretto di Polizia nella quale interpreta il ruolo dell’ispettore Paolo Libero presente nella terza stagione (2002) e nella quarta stagione (2003) oltre ad una comparsa nella decima edizione (2010).

Tra le altre esperienze sul piccolo schermo ricordiamo la miniserie E poi c’è Filippo, del 20016, in cui è protagonista insieme a Neri Marcorè; nel 2009 recita in Due mamme di troppo, La scelta di Laura e David Copperfield. Tre anni dopo interpreta Giuseppe Garibaldi nella miniserie Anita Garibaldi andata in onda su Rai 1. Nel 2014 recita in Non avere paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla, e in A testa alta – I martiri di Fiesole.

Molto proficua la sua attività sul grande schermo. Tra i film di maggiore successo, ricordiamo L’ultimo bacio e Baciami ancora, di Gabriele Muccino, mentre nel 2013 recita nel film Premio Oscar La grande bellezza, con la regia di Paolo Sorrentino.

Dal settembre 2017 viene scelto, insieme a Nicole Grimaudo, come testimonial del Mulino Bianco Barilla, in sostituzione dell’attore Antonio Banderas.

Nel 2019 torna in TV con la fiction Mediaset Il Silenzio dell’Acqua in cui recita al fianco di Ambra Angiolini.

Giorgio Pasotti: vita privata

Giorgio Pasotti è nato a Bergamo il 22 giugno 1973. La sua passione per le arti marziali lo porta fino in Cina, nel 1987 e nel 1992.

Sul fronte sentimentale è stato legato alla cantante Elisa e con l’attrice Giulia Michelini. Ha avuto una relazione piuttosto movimentata anche con Nicoletta Romanoff, dalla quale ha avuto una figlia, Maria. Successivamente si è legato alla modella Felicia Cigorescu e poi a Claudia Tosoni.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close