Gaza, la protesta degli artisti

La protesta degli artisti palestinesi

La protesta degli artisti palestinesi

L’autore dell’articolo è Mohammed Alhammani, 22 palestinese. Grazie a una borsa di studio è riuscito a frequentare un college americano e a laurearsi. Fa parte della rete di wearenotnumbers.org.

 

GAZA – Nei giorni scorsi, un gruppo di artisti palestinesi ha dato vita a una protesta ‘artistica’ a Gaza. La manifestazione aveva come titolo: “Murale: la parola del pennello”. Lo scopo dell’evento era quello di protestare contro la decennale occupazione israeliana e per mostrare sostegno ai palestinesi in Cisgiordania dopo le recenti agitazioni.

 

due artiste realizzano un murales
due artiste realizzano un murales

Nonostante i titoli dei giornali siano concentrati sull’Isis, i disordini continuano e secondo gli ultimi dati, al 21 dicembre, 129 palestinesi sono morti, quasi 15.100 sono stati feriti e oltre 2.600 arrestati.

due artiste realizzano un murales
due artiste realizzano un murales

L’evento si è svoto in tre parti: pittura su muro e su tela, disegno a matita ed esecuzionee di musica tradizionale.

Quando ho chiesto perché avessero scelto l’arte come forma di protesta, Mohammed Al Haj, uno degli organizzatori della manifestazione, ha detto: “L’arte è un modo diverso e creative di comunicare. Rompe i confini del linguaggio; non hai bisogno di tradurla, l’arte, perché essa raggiunge i cuori di tutte le persone in ogni parte del mondo”.

Il padre di Rahaf Hassan
Il padre di Rahaf Hassan piange sul corpo del piccolo di 4 anni ucciso in un attacco aereo vicino casa

Mohammed Alhammani per wearenotnumbers.org

traduzione a cura della Redazione

Mohammed Alhammani
Mohammed Alhammani

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close