Furti e danni nel Centro Remida Napoli di Ponticelli: sottratte mascherine e merende per gli ospiti

Nelle ultime ore la struttura comunale che a Ponticelli, quartiere nella zona orientale di Napoli, ospita il Centro di riciclaggio creativo ‘Remida Napoli’ è stata oggetto di un furto da parte di ignoti. Sono stati sottratti un migliaio di mascherine FFP2 e diversi flaconi di detergenti. I delinquenti hanno anche svaligiato la dispensa del caffè e portato via le merende offerte ai partecipanti delle attività.

Il fatto – avvenuto, molto probabilmente, la notte tra mercoledì e giovedì – arreca non pochi danni alla realtà che da anni opera nel quartiere di Napoli Est a favore di giovani e famiglie, in costante contatto con associazioni, aziende, scuole e università. In oltre ventitré anni di esperienza ha portato avanti laboratori per bambini, percorsi con le scuole, opportunità per le donne. Remida Napoli opera attraverso i materiali di scarto per attivare processi educativi e occasioni di incontro e confronto. Da cinque anni, in particolare, porta avanti un laboratorio di eco-sartoria e artigianalità, sostenuto dall’Otto per Mille della Chiesa Valdese, che coinvolge donne di Napoli Est in un percorso di autonomia, riscatto e valorizzazione delle proprie passioni e competenze.

«Siamo molto amareggiate della “visita” che abbiamo subito nelle ultime ore. Il furto e i relativi danni alla struttura sono ferite non inferte soltanto a noi ma a tutto il territorio. Si dovrebbe capire che chi ruba alle associazioni ruba a sé stesso e ai propri figli», spiegano Anna Marrone e Paola Manfredi, co-gestrici di Remida Napoli, che evidenziano: «Le cose che sono state rubate erano dispositivi anticovid e le merende che offriamo alle persone che frequentano quotidianamente il Centro. Siamo profondamente addolorate e arrabbiate perché questo è l’ennesimo furto che si verifica a danno di realtà educative del quartiere Ponticelli: prima i furti nelle scuole e poi quelli a danno di altre associazioni con cui collaboriamo. Bisogna dire basta a tutto questo».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close