Emergenza Covid-19, l’esercito di volontari Auser per gli anziani

volontari auser

Nei difficili mesi dell’emergenza sanitaria del Covid-19 che ha costretto a casa milioni di italiani e colpito duramente i cittadini più fragili, le volontarie e i volontari dell’Auser – associazione per l’invecchiamento attivo – sono stati in campo. Con coraggio e determinazione e in tutta Italia. Portando sostegno e aiuti concreto agli anziani soli e fragili, alle famiglie più in difficoltà.

Un esercito di quasi 7.000 volontari Auser, molti dei quali giovani che si sono offerti di dare una mano, per un impegno di 1 milione 402.755 ore di volontariato. La compagnia e l’ascolto telefonico è stato un servizio di grandissima utilità sociale e umana. I volontari spesso dal loro domicilio con i numeri di telefono deviati, hanno ascoltato, rassicurato, condiviso insieme a tanti anziani soli ansie e preoccupazioni. In questo ambito sono stati effettuati 102.289 interventi, assistendo telefonicamente oltre 40mila persone anziane.

I volontari Auser hanno inoltre effettuato 176.574 interventi a domicilio per la consegna di spesa, medicinali e in molti casi anche i pasti. Oltre 39.000 persone hanno usufruito di questo prezioso servizio.

Durante l’emergenza sanitaria di marzo e aprile, i volontari Auser hanno garantito servizi di trasporto protetto ai malati oncologici o di altre patologie che necessitavano di cure urgenti e cicli di terapie e ai dializzati. 5694 persone hanno potuto usufruire di questo servizio per un totale di 19.214 accompagnamenti svolti. I chilometri percorsi per svolgere tutte queste attività sono stati 1.332.597.

Costretti a sospendere tutte le attività di socializzazione ci siamo dedicati a fornire i servizi alla persona – sottolinea il presidente nazionale Enzo Costa – grazie alla straordinaria disponibilità e dedizione dei nostri volontari. Siamo stati un riferimento certo per le nostre comunità partecipando a tutte le iniziative di solidarietà messe in atto dai COC (centri organizzativi comunali), abbiamo collaborato con le aziende sanitarie locali e con le strutture regionali”. (Comunicato Stampa)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close